Anche la suocera si ritocca

Non solo la sposa vuole essere al top il giorno del sì. Anche le mamme degli sposi vogliono la loro parte, in quell’eterna disputa fra suocera e nuora che le accompagnerà per il resto della vita. Sotto ai riflettori di fianco ai figli nel momento più importante, vogliono apparire al meglio davanti a parenti e amici. E così, sempre di più si rivolgono al chirurgo plastico. "Mi sta capitando sempre più spesso negli ultimi anni" dichiara Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna socio del’Eafps (European Academy of facial plastic surgery) "Di ricevere nel mio studio le mamme che si stanno preparando per il matrimonio dei figli. Il trend è in aumento ed è di circa il 20% all’anno. Quasi tutte desiderano una ‘rinfrescatina’ al viso, per apparire più giovani, fresche e rilassate, ma senza risultati troppo artificiosi. Gli interventi più richiesti sono iniezioni di botulino, acido ialuronico e cicli di vitamine. Per ottenere i migliori risultati, consiglio di eseguirle almeno tre settimane prima della data: in questo modo i risultati sono visibili e non si rischia di trovarsi qualche piccolo livido che rovini il look in un giorno così speciale".
 
Per alcune future suocere, invece, il matrimonio del figlio è il pretesto per farsi un lifting: "Magari ci pensavano da un po’, spesso avevano già fatto qualche punturina di botulino, ma non si erano ancora decise ad affrontare il bisturi" prosegue il dottor Gennai "In questi casi l’occasione importante è la spinta giusta per affrontare l’operazione. A convincere le mamme degli sposi è la tecnica endoscopica, che consente di ottenere risultati naturali senza cicatrici visibili e senza conferire quell’aspetto ‘tirato’ che caratterizza spesso chi si è fatto il lifting. La mia filosofia si basa infatti sulla naturalezza del risultato, per questo restituisco i volumi persi con l’età, spesso associando al lifting il lipofilling". Anche se con il lifting endoscopico i tempi di recupero sono decisamente ridotti rispetto a quello tradizionale, è necessario presentarsi dal chirurgo almeno un paio di mesi prima della data del matrimonio. In questo modo è possibile eseguire gli esami pre operatori necessari, fare almeno un paio di colloqui con il chirurgo e avere tutto il tempo per una guarigione perfetta.

Nello studio del chirurgo non mancano anche le spose: "Nella maggioranza dei casi è la prima volta che entrano nello studio di un chirurgo plastico e, a volte, accompagnano la mamma che è già mia paziente" spiega il chirurgo bolognese "In questi casi chiedono interventi per il corpo: di solito seno e glutei per ‘riempire’ meglio l’abito, ma anche per spogliarsi con soddisfazione la prima notte di nozze o per sfoggiare un bikini senza imperfezioni durante il viaggio di nozze. Oltre alla classica chirurgia, che comprende di solito mastoplastica additiva e liposuzione, nell’ultimo anno ho ricevuto molte richieste per un gel riempitivo per sfoggiare un bel vestito scollato anche ‘last minute’". Come per le mamme, anche per le spose il cruccio principale sembrano essere le fotografie: "Gli scatti fatti durante il giorno del matrimonio rimarranno negli album di famiglia per gli anni a venire" conclude il dottor Gennai "Per questo sia le mamme sia gli sposi ci tengono ad apparire al meglio: giovani ma non artificiali, rilassati ma senza sembrare ritoccati".

Anche la suocera si ritocca