Salmone affumicato, il test tedesco per individuare i conservanti pericolosi

Il salmone affumicato è davvero sicuro? Ecco cosa ha rivelato un test effettuato in Germania su diversi marchi

Negli ultimi anni il salmone affumicato si è sempre più diffuso sulle nostre tavole. Ma quanto è sicuro? Un test tedesco ha messo alla prova alcune varietà.

Periodicamente il salmone affumicato viene messo sotto accusa, soprattutto a causa di alcuni casi di Listeria e il conseguente ritiro di lotti di merce contaminata. Come si sceglie un prodotto di qualità e quali sono i conservanti da cui stare alla larga per prenderci cura della nostra salute?

La rivista Ökotest ha scelto di analizzare in laboratorio 20 marche di salmone affumicato che vengono vendute in tutti i supermercati, selezionando prodotti biologici, derivati da pesca selvaggia o dagli allevamenti tradizionali. Il risultato? A quanto pare il salmone non è così sicuro come crediamo o, per meglio dire, è necessario fare molta attenzione all’etichetta per scegliere il prodotto giusto.

In molti campioni esaminati infatti è stata individuata la presenza dell’etossichina, un conservante che può rivelarsi pericoloso per la salute. I produttori lo utilizzano per evitare l’ossidazione del cibo, ma diversi test ne hanno rivelato la sospetta natura cancerogena. Il salmone affumicato non è immune nemmeno da germi e spore, ma anche dalla presenza dei nematodi, dei piccoli organismi che, soprattutto se presenti in eccesso, possono provocare gravi danni.

Il test ha portato a galla alcune evidenze: prima di tutto il fatto che anche i prodotti biologici possono presentare sostanze inquinanti e che il salmone selvaggio risulta spesso migliore di quello da allevamento. Quando acquistate questo alimento, ricordatevi di leggere con attenzione l’etichetta, verificando la provenienza, la lista degli ingredienti e i trattamenti a cui è stato sottoposto il pesce prima di arrivare sulle nostre tavole.

Valutate prima di tutto la presenza della scritta “salmone affumicato”, evitando i prodotti in cui c’è solamente la dicitura “salmone al gusto affumicato”, ciò significa che non è avvenuta un’affumicatura tradizionale con la legna, ma sono stati semplicemente aggiunti degli aromi artificiali. Fate attenzione anche al colore, che deve essere sempre uniforme, senza venature, macchie scure o zone secche. Infine prediligete una lista di ingredienti corta e valutate con attenzione la data di scadenza per stabilirne la freschezza.

Salmone affumicato, il test tedesco per individuare i conservanti ...