Trasloco no-panic

Traslocare non è certo un’operazione che può essere improvvisata all’ultimo momento: lo sa bene chi ha provato a prendere sottogamba il cambio di casa e ha dovuto passare mesi nel caos tra vestiti e libri smarriti chissà dove e scatoloni ammassati alla rinfusa per tutte le stanze.

Per evitare di trasformare in un incubo il trasloco, basta organizzarsi per tempo e seguire poche e semplici regole, soprattutto nella fase di inscatolamento degli oggetti.

Un mese prima della data del trasloco è il momento giusto per cominciare. Non rimandate! Prima di tutto procuratevi il materiale per inscatolare tutte le vostre cose. Ecco il materiale di cui avete bisogno:

  • nastro adesivo da pacchi, corde, un pennarello indelebile a punta grossa, pennarelli colorati e un quaderno o blocco notes
  • scatoloni di varie dimensioni (si comprano all’ingrosso): alcuni (chiamati "bauli armadi" dovranno avere una lunghezza tale da poter contentere i vestiti, che potrete inscatolare appesi ad attaccapanni uniti da un bastone
  • scatoloni rinforzati a triplo strato per gli oggetti pesanti
  • carta da giornale e pluriball (detta anche bubblewrap, ovvero fogli da imballo trasparenti con bolle d’aria) per avvolgere gli oggetti più fragili, come piatti e bicchieri

 E’ arrivato il fatidico momento di inscatolare i vostri averi. Da che parte cominciare? E’ presto detto:

  • affrontate una stanza per volta, in modo da svuotarla completamente. Cominciate da quella che usate di meno: la camera degli ospiti, lo studio, il guardaroba…
  • gli oggetti più pesanti vanno messi negli scatoloni più piccoli. Attenzione a non riempire grandi scatoloni con i libri, tra gli oggetti più pesanti da trasportare
  • scrivete sempre sopra su ogni scatola cosa contiene e contrassegnate ciascuna di esse con un criterio logico,  magari con un pennarello di colore diverso. Potete basarvi sulla camera di provenienza o sulla tipologia: ad esempio i vestiti in rosso e i libri in blu, oppure la cucina in verde e così via. L’ideale sarebbe numerarle e prendere nota di tutte le scatole con relativo contenuto di massima, elencandole su di un blocco notes
  • non lasciate spazi vuoti nelle scatole
  • ricordatevi di contrassegnare gli oggetti più fragili con un colore e di indicare qual è la parte alta e la parte bassa

E infine la cosa più importante: la scatola di sopravvivenza. Dovrà essere la prima da avere sottomano non appena vi sarete trasferiti nella nuova casa. Sarà per voi una specie di valigia di emergenza con oggetti di prima necessità. Insomma, dovrà contenere ciò di cui avrete bisogno nei giorni immediatamente successivi al trasloco, come ad esempio:

  • biancheria, un paio di scarpe e qualche vestito
  • beauty case con dentifricio, spazzolino, shampoo, sapone
  • asciugamani, lenzuola, pantofole, pigiama
  • piatti, tazzine del caffè e ciò di cui non potrete fare a meno a seconda delle vostre abitudini
Trasloco no-panic