Le piante grasse da balcone più resistenti

Le migliori varietà di piante grasse, magari perenni, con fiori o pendenti, per abbellire il proprio balcone: scopri quali sono

Per decorare il proprio balcone o terrazzo, le piante grasse da esterno rappresentano l’accessorio perfetto per dare vita e luminosità ai propri spazi. Grazie alle loro forme strane e buffe si possono creare dei particolarissimi angoli verdi a basso prezzo. Scopriamo insieme le migliori varietà e perché sceglierle!

Piante grasse da balcone: caratteristiche e perché sceglierle

A tutti piacciono le piante grasse, dette anche succulente. Sono facili da curare e non necessitano di particolari attenzioni, per cui senza troppa fatica si può avere un balcone ordinato per tutto l’anno. Ecco perché sono a prova di pollici neri! La loro particolarità sta nella loro struttura che consente a queste piante di accumulare l’acqua, necessaria per sopravvivere, all’interno delle loro foglie o dei fusti. Ecco perché hanno bisogno di pochi liquidi e sono resistenti alle alte temperature. Inoltre, è da questa stessa singolarità che deriva il nome di piante grasse: infatti, immagazzinando l’acqua i loro tessuti si ingrossano.

Nella scelta delle proprie piante grasse da terrazzo, però, bisogna tenere conto di alcune caratteristiche importanti: la temperatura, la luminosità e il tipo di terriccio utilizzato. Infatti, non tutte le piante grasse sono adatte a un basso clima, ma questo non vuol dire dover rinunciare a decorare il proprio balcone anche di inverno. Bisognerà semplicemente sceglierne di più resistenti rispetto a quelle tipiche d’appartamento e avere qualche accorgimento in più. Ecco le piante grasse da esterno dai nomi più conosciuti!

Agave

Originaria del Messico, l’Agave è una pianta grassa molto facile da coltivare. Per crescere bene, infatti, ha bisogno di poca acqua e di un luogo soleggiato. Le sue foglie a forma di rosetta dai colori verde o bianco possono raggiungere i 2 o 3 metri di altezza se coltivati in vaso. La specie più conosciuta è l’Agave Americana che è capace di resistere a basse temperature, ma in caso di gelo è bene coprirla con un telo traspirante. Pur essendo tra le piante grasse da esterno perenni più longeve, arrivando a vivere fino a 60 anni, l’Agave rischia di morire nel giro di due anni se il suo fiore sboccia. Quest’ultimo, infatti, può crescere fino a 5 metri con rami fioriti e profumati, danneggiando però la pianta. Ecco perché viene chiamato dagli studiosi “il fiore spietato”.

Aloe

Tra le piante grasse da esterno più conosciute c’è sicuramente l’Aloe, con più di cento specie caratterizzate da foglie appuntite all’apice e a forma di rosetta. La più conosciuta tra tutte è l’Aloe Vera, una pianta grassa sia da esterno sia d’appartamento, famosa per le sue proprietà benefiche. Dalle sue foglie, infatti, si ricava una sostanza gelatinosa rinfrescante e antinfiammatoria. Perché cresca bene, questa pianta va collocata in un terreno asciutto e posizionata in un luogo luminoso lontano dai raggi del sole, eccetto per il primo mattino, e riparata in caso di pioggia e gelo. A differenza dell’Agave, l’Aloe è una pianta grassa con fiori tubolari gialli, arancioni e rossi che può germogliare più volte durante l’anno.

Astrophytum

Con la sua particolare forma a stella e il fusto costellato da numerosi puntini bianchi, l’Astrophytum è una tra le piante grasse da balcone più decorative e ornamentali, grazie soprattutto al suo fiore giallo che sboccia ogni anno in primavera in cima alla pianta. Originaria del Messico, questa pianta grassa con fiori ha bisogno di un terreno ben drenato per crescere e non sopporta la pioggia e l’umidità. Per questo motivo va posta in un luogo soleggiato, ben riparato e protetto.

Cactus

Con forme e dimensioni diversificate, i cactus sono originari dell’Argentina e con questo termine ci si riferisce a un’intera famiglia composta da 3000 specie e 120 generi. Ma solo alcune di esse possono essere effettivamente identificate come piante grasse da esterno. La varietà più conosciuta e adatta è sicuramente il Trichocereus Pasacana che è in grado di sopravvivere anche a temperature bassissime che arrivano fino a meno dieci gradi. Per crescere, ha bisogno di un terreno ben drenato e va posizionata in uno spazio luminoso e soleggiato. Se ben curata, può arrivare fino a 10 metri. La sua particolarità principale è che fiorisce nelle notti d’estate, anche se solo per un giorno o due, cosa che rende questa pianta grassa con fiori da esterno una delle più belle.

Echeveria

La Echeveria è tra le piante grasse da terrazzo più amate, il cui nome deriva dal pittore messicano Atanasio Echeverria che le dipingeva nei suoi quadri. Si caratterizza per i suoi colori che variano dal verde al grigio e per i suoi fiori campanulati rossi e rosati che sbocciano nel periodo primaverile ed estivo. Sono piante grasse da esterno molto facili da coltivare. Amano la luce del sole, ma solo durante l’inverno. È, infatti, in grado di sopportare le basse temperature, ma se scendono sottozero è bene riparare la Echeveria con un telo traspirante o spostarla in un luogo più riparato.

Jovibarba

Tra le piante grasse da esterno più resistenti c’è la Jovibarba che si divide in tre specie differenti: Jovibarba Arenaria, Jovibarba Hirta e Jovibarba Sobolifera. Si caratterizza per essere una tra le piante grasse da balcone più famose, in quanto resistente a ogni tipo di situazione e di clima: da quelli più secchi a quelli più rigidi. Una sua particolarità è la sua capacità di riprodursi velocemente e occupare grandi spazi in poco tempo. Inoltre, la Jovibarba è una pianta grassa con fiori giallo-verdi che sbocciano durante la primavera e cadono solo a inizio autunno.

Mammillaria zeilmanniana

Appartenente alla specie dei cactus e originaria del Messico Centrale, la Mammillaria zeilmanniana è non soltanto una pianta grassa da balcone, ma anche da appartamento. Più che in altezza, questa pianta si sviluppa in larghezza, raggiungendo fino a 5 cm di diametro e assumendo una forma tondeggiante e tozza. Le spine bianche e nere che ricoprono l’intera superficie sono la caratteristica principale della Mammillaria zeilmanniana. Per svilupparsi, questa pianta grassa deve essere coltivata in un terreno calcareo e ricco di sostanze nutritive, che possano aiutarla a resistere anche durante l’inverno. Prima di innaffiarla, è bene tastare il terreno per assicurarsi che sia totalmente asciutto, in quanto non ha bisogno di troppa acqua. La Mammillaria zeilmanniana è una pianta grassa con fiori dai colori rosa e bianchi che sbocciano durante l’estate se viene ben curata e posta in un luogo soleggiato.

Rebutia Minuscola

La Rebutia Minuscola ha la sua origine in Sudamerica e ricorda molto le piante bonsai. Con la sua forma tondeggiante, che non arriva a grandi altezze, assomiglia alla Mammillaria zeilmanniana ed è perfetta per decorare i piccoli spazi, ma anche come pianta grassa da terrazzo. Infatti, durante il periodo primaverile produce fiori di vari colori che vanno dal rosso all’arancio al giallo e durano fino al tardo autunno. Essendo una pianta grassa con fiori da esterno, la Rebutia Minuscola è in grado di sopravvivere anche a basse temperature, ma se il clima si fa troppo rigido bisognerà coprirla con un telo traspirante o metterla in un luogo più riparato. Per farla fiorire al meglio, l’ideale è spostarla in un luogo soleggiato.

Sedum Palmeri

Con più di 600 specie, il Sedum ha la sua origine sulle montagne del Messico, ma cresce anche nei climi freddi dell’Himalaya. Si classifica a pieno regime tra le piante grasse pendenti da balcone più conosciute, ma anche tra le piante grasse da esterno sempreverde. Una delle varietà più conosciute è il Sedum Palmeri che ben si adatta alle temperature più basse e rigide ed è molto semplice da coltivare. Deve essere posta in un terreno ben drenato e non deve assumere troppa acqua, tanto che in inverno non va bagnata. Inoltre, perché possa fiorire dovrà essere posizionata in un luogo luminoso ed esposta ai raggi del sole per qualche ora durante il giorno.

Il Sedum Palmeri è tra le piante grasse da esterno pendenti più graziose e decorative, che spesso sporgono dai davanzali. Nel mese di febbraio produce fiori gialli dalle importanti qualità benefiche, mentre durante il mese di ottobre le caratteristiche foglie a forma di rosetta si colorano del rosso tipico del periodo autunnale.

Semprevivo Maggiore

Le piante grasse con fiori da esterno Semprevivo Maggiore sono specie in continua evoluzione che cambiano nel tempo. Conosciute anche col nome di Barba di Giove, sono molto utilizzate nel campo dell’edilizia, grazie alle loro proprietà isolanti. È una pianta grassa da esterno utilizzata per decorare i balconi e i giardini, complice il fatto che resiste a ogni tipo di clima, rendendola adatta a tutte le situazioni. Per crescere necessita di un terreno ben drenato e deve essere posizionata in un luogo soleggiato. Inoltre, si caratterizza per i suoi colori: le sue foglie passano dal rosso in autunno al verde in inverno, mentre i suoi fiori assumono toni dal rosa al lilla.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le piante grasse da balcone più resistenti