Monolocale in città o casa in campagna?

La forte crisi economica che affligge il nostro paese sta mettendo a dura prova le finanze di tutti, specialmente di chi vive nelle grandi città e paga affitti alti per vivere in spazi sempre più piccoli.

Crescono, inoltre, le spese legate alle bollette e quelle di condominio e le famiglie si trovano ad avere sempre più problemi a far fronte a tutte le spese.

Ecco perché molti cominciano a pensare concretamente di cambiare casa e, chi ne ha la possibilità e il desiderio, addirittura vita.

L’idea di andare a vivere in campagna ha il suo fascino, ma sono molte le cose da considerare prima di farlo davvero perché la manutenzione di una casa di campagna è certamente molto più impegnativa.

La valutazione sia del risparmio che della qualità di vita può essere fatta solo tenendo conto dei costi che dovremo sostenere per gli spostamenti e la cura della casa e del giardino.

Una casa in campagna può dare senz’altro grandi gioie ma, come tutte le cose belle, richiede attenzione, tempo e denaro. L’organizzazione famigliare va quindi pensata nei minimi dettagli per non trovarci, poi, a non avere nemmeno un momento per sedersi qualche minuto in giardino d’estate o davanti al camino d’inverno.

Fonte:

Monolocale in città o casa in campagna?