La stroardinaria collezione nata dall'”hackeraggio” dei più famosi arredi Ikea

Attraverso la pratica del design hacking, celebri designer reinterpretano altrettanto celebri arredi: ecco il risultato

Cosa succede, se una famosa azienda d’arredo chiede ad un designer di “hackerare” i suoi pezzi più famosi? Il risultato sta tutto in una collezione, la Lyskraft di Ikea. Una collezione che porta con sé persino un termine ad hoc: design hacking.

In cosa consiste il design hacking? Nella reinterpretazione di arredi e complementi simbolo di un brand, talvolta per iniziativa del designer ma – più spesso – su richiesta del brand medesimo. E quale azienda più di tutte poteva farsi portavoce di un nuovo trend, se non Ikea? Il colosso svedese ha chiesto al duo di designer olandesi Scholten & Baijings di creare una nuova versione del divano Klippan e della poltrona Poäng. E poi, oggetti d’uso comune che rivivono ora sotto l’introduzione di nuove trame, di nuovi colori, di nuovi motivi.

La stroardinaria collezione nata dall'hackeraggio dei più famosi arredi Ikea

Fonte: Facebook | Ikea

A spiegare lo speciale progetto di design hacking, è stato lo stesso Direttore Creativo di Ikea, Michael Nikolic. Che ha così dichiarato: «I nostri prodotti sono sempre stati creati per tutti e tutti hanno sempre colto l’opportunità di esprimersi attraverso i nostri prodotti, tramite modifica o personalizzazione, riutilizzo o fai-da-te». Perché non fare dunque della modifica un’ulteriore collezione? Del resto, lo spirito di Ikea è proprio questo: proporre agli utenti mobili e complementi che, seppure prodotti in serie, abbiano in sé il concetto della personalizzazione. Sono quasi tutti modulari, gli arredi del marchio: possono essere combinati assieme sulla base dello spazio a disposizione, sulla base del proprio gusto, o dello stile della propria casa. Ed è pure questo, una sorta di hackeraggio.

Lyskraft di Ikea

Fonte: Facebook | Ikea

Lyskraft, che significa “luminosità”, rende ora omaggio proprio agli hacker, a cui l’azienda ha espressamente detto di essersi più volte ispirata. E, alla stabilità e l’affidabilità propria degli arredi Ikea, abbina i colori che da sempre caratterizzano il lavoro di Scholten & Baijings, e la capacità del duo di interpretare (e di anticipare) le tendenze. Così, la poltrona Poäng è oggi proposta nelle tinte corallo, blu e giallo brillante, mentre il divano Klippan vive una vita tutta nuova grazie alle gambe color pastello e alle coperte trapuntate. Infine, gli oggetti in vetro pressato che di Scholten & Baijings sono stati un’intuizione, e poi i vassoi in melamina e i tovaglioli. Tutto, in uno straordinario incastro di funzionalità, gioco e qualità.

Lyskraft Ikea

Fonte: Facebook | Ikea

 

 

La stroardinaria collezione nata dall'”hackeraggio” dei pi...