Con l’intonaco marocchino, si possono realizzare splendidi complementi: eccoli tutti

Il Tadelakt, utilizzato in Marocco per gli hammam e le facciate dei palazzi, si fa (straordinario) oggetto d'arredo

In Marocco, il Tadelakt è un intonaco speciale. Rivestimento murale a base di calce, viene impiegato per dipingere gli interni come gli esterni di abitazioni ed edifici. E, impermeabile e brillante com’è, da vedersi è proprio bello.

Sa di hammam, il Tadelakt. Sa di palazzi marocchini, di rawdah e di un’eleganza senza fine. Rifinito con ciottoli di fiume e trattato con sapone nero a base d’olio d’oliva, è da sempre un importante elemento dell’architettura locale. Oggi, però, quel suo aspetto morbido e quelle sue delicati onde, li troviamo anche in una collezione d’arredo. Che è straordinaria, e vien dalla Finlandia.

Contra Naturam

Fonte: Tuomas Markunpoika

Contra Naturam, questo il nome dell’originale collezione, nasce dalla geniale mente di Tuomas Markunpoika, finlandese di Jyvaskyla. Laureato al Lahti Institute of Design e cresciuto professionalmente ad Amsterdam, nello studio di Marcel Wanders, nel 2013 Tuomas ha fatto parlare di sé per la sua collezione Engineering Temporality che, nominata “Furniture Design of the Year” dal London Design Museum, era una sorta di riflessione sulle condizioni emotive e personali dei malati di Alzheimer, coi tubi metallici tagliati a rappresentare la natura effimera della memoria. Oggi, la sua creatività ha trovato un nuovo elemento con cui sperimentare: il Tadelakt, per l’appunto. Uno speciale intonaco che si fonde in complementi d’arredo delicatamente colorati, e chiamati a perseguire lo scopo del designer: vestire di mistero e di meraviglia gli oggetti del vivere quotidiano. 

Contra Naturam

La storia di Contra Naturam comincia da lontano, e da un nome che – del design italiano – ha fatto la storia. Quello di Ettore Sottsass, l’opposto per eccellenza della cultura razionalista dell’industrial design che – per anni – girò per la Spagna, l’Italia, la Grecia, l’Egitto e l’America sudoccidentale con l’artista catalana Eulalia Grau, per individuare un nuovo approccio al design. Tuomas ha fatto sua l’ideologia di Sottsass, e il suo intendere il design come un punto di partenza alla rincorsa di una nuova ideologia.

Con l'intonaco marocchino, si possono realizzare splendidi complementi eccoli tutti

Il risultato? Una collezione di complementi semplici ma seducenti, dalle forme primordiali e i colori pastello (il malva, il grigio-verde, il giallo pallido, il panna): le sue sedie, i suoi tavoli e le sue panche sono una sorta di ibrido tra la produzione dell’oggi e le tecniche d’un tempo, con il Tadelakt applicato su di una base di polistirene sintetico avvolta in fibra di vetro. Un po’ arredi, un po’ sculture. Molta riflessione, e molta filosofia. Per portare dentro casa oggetti dal profondo animo.

Con l’intonaco marocchino, si possono realizzare splendidi compl...