Dieta dopo i 60 anni, i cibi che fanno dimagrire

Secondo una ricerca, la dieta perfetta per gli anziani è quella mediterranea (ma con qualche accorgimento)

Col passare degli anni, restare in forma e perdere i chili in eccesso diventa difficile. Il metabolismo non è lo stesso dei vent’anni, ma neanche dei trenta o dei quaranta, ed ecco che curare (ancor di più) l’alimentazione diventa fondamentale.

Per evitare d’accumulare grasso e centimetri, con tutte le patologie che ne possono conseguire, gli esperti consigliano di ridurre il quantitativo calorico della propria dieta. Una dieta che, in ogni caso, dovrà seguire i pricipi della dieta mediterranea. Secondo una nuova ricerca condotta da un’università americana, tale regime si dimostra particolarmente salutare soprattutto per gli anziani: mettendo a confronto popolazioni con abitudini alimentari molto diverse, è emerso che chi seguiva una dieta mediterranea era meno predisposto ai dolori, la disabilità e la depressione.

Ma non solo: dopo i 60 anni, è fondamentale anche evitare l’accumulo di peso. Su cosa puntare, dunque? Sull’olio extravergine d’oliva, la frutta, la verdura, i cereali, le noci. Dai 65 ai 74 anni, gli uomini dovrebbero assumere 1900 calorie giornaliere  e le donne 1600, dopo i 74 anni 1700 e 1400. Tutti i giorni si possono portare in tavola i carboidrati (pane, pasta, riso e altri cereali), in porzioni non eccessive: 70 grammi per la donna e 80 per l’uomo prima dei 65 anni, 60 e 70 grammi tra i 65 e gli 80, 60 e 50 grammi per gli ultraottantenni. Sul fronte delle proteine, è meglio privilegiare quelle vegetali (derivanti ad esempio dai legumi) rispetto a carne e pesce: tacchino, pollo o coniglio sono concessi tre volte alla settimana, le uova due, carni rossi, salumi e formaggi solamente una.

Fondamentale è poi bere molta acqua (almeno due litri al giorno per le donne e due e mezzo per gli uomini) e limitare di moltissimo i dolci, consumando magari solo una fettina di torta a colazione ogni tanto. Quando si diventa anziani, infatti, è fondamentale prevenire l’insorgenza di malattie che comportano un rischio cardiaco (come il colesterolo elevato) e così pure del diabete: bisognerà quindi prediligere un’alimentazione leggera, con pochi grassi, e che – come condimento – preferisca l’olio extravergine d’oliva, l’aceto, il limone, le spezie e le erbe aromatiche.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta dopo i 60 anni, i cibi che fanno dimagrire