Vero e Falso sulla Liposuzione

  • Che differenza c’è tra Liposuzione, Liposcultura e Lipoaspirazione?
    Liposuzione e Liposcultura sono quasi sinonimi. Attualmente, per Liposcultura si intende una Liposuzione con approccio multiplanare che comprende anche la Liposuzione superficiale e l’uso del grasso per il riempimento delle zone depresse (Lipofilling o Lipostruttura), per ottenere un rimodellamento globale delle zone da trattare.
  • La Liposuzione/Liposcultura può essere un’alternativa alla dieta?
    La Liposuzione/Liposcultura non è un intervento per perdere peso, ma serve a rimodellare il corpo, eliminando gli accumuli adiposi. Il grasso non pesa molto e dopo una aspirazione consistente si perdono solo pochi kilogrammi.
  • E’ meglio fare una dieta prima della Liposuzione/Liposcultura?
    E’ inutile fare delle diete estenuanti prima della Liposuzione, per poi magari aumentare di peso nei mesi successivi. E’ consigliabile sottoporsi all’intervento quando si ha un peso che si pensa di potere mantenere. Nella maggior parte dei casi , comunque, dopo la Liposuzione si instaurano una serie di meccanismi psicologici che ti portano ad una maggiore attenzione nell’alimentazione e nella cura del proprio corpo, cosicché nei mesi successivi all’intervento si osservano spesso un calo di peso e un miglioramento della forma fisica. Queste condizioni potenziano l’effetto di modellamento e rassodamento dei tessuti della Liposcultura superficiale producendo un risultato che è spesso superiore alle aspettative.
  • Quanto si dimagrisce con la Liposuzione/Liposcultura?
    Il fine della Liposuzione non è la perdita di peso ma il rimodellamento corporeo. Viene in genere eseguita su aree ben determinate e non in tutto il corpo. Non si tratta di una soluzione drastica ma di un intervento che, se eseguito correttamente presenta pochi rischi e una convalescenza dolce e non fastidiosa. In genere, a meno che non si vogliano correre degli inutili rischi, nel corso di un intervento non si aspirano più di 5-6 litri di grasso (litri, non chili; il grasso pesa molto poco!).
  • La Mesoterapia può eliminare i cuscinetti adiposi?
    La Mesoterapia ha effetto sulla cellulite (lipodistrofia,) ma si deve proseguire la terapia con costanza, associandola a una dieta corretta.
  • La Liposuzione dell’addome può compromettere in qualche modo una gravidanza?
    No, Non ci sono problemi ad avere una gravidanza dopo una Liposuzione dell’addome. Le incisioni sono minime e se trattate adeguatamente (sutura corretta, massaggio, needling, linfodrenaggio …), sono, in genere, poco visibili.
  • Entro quanto tempo dopo il parto ci si può sottoporre a un intervento di chirurgia estetica?
    Il tempo che deve passare dopo un parto prima di sottoporsi a un intervento chirurgico è variabile e dipende sia dal tipo di intervento che dalle condizioni generali che possono essere differenti a seconda dei casi. Nel caso della Liposuzione l’intervento può essere effettuato anche dopo qualche mese.
  • Quali sono le percentuali di rischio della Liposuzione/Liposcultura, è vero che ormai si sono notevolmente ridotti?
    I rischi della Liposuzione/Liposcultura nelle persone sane sono quelli comuni a tutti gli interventi chirurgici (reazioni all’anestesia, infezioni ecc.), ma le complicanze sono molto rare. E’ però necessario operare con le dovute precauzioni: strutture adeguate, assistenza anestesiologica anche negli interventi in anestesia locale, uso dell’anestesia generale nelle Liposuzioni estese (troppo anestetico locale rischia di essere tossico). La tecnica tumescente e l’uso di cannule sottili garantiscono ottimi risultati con un bassissimo sanguinamento.
  • Non c’è il rischio che dove è stato aspirato il grasso la pelle in eccesso diventi cadente?
    Oggi si privilegia infatti la Liposcultura, cioè la Liposuzione superficiale che, oltre a fare diminuire i cuscinetti, aumenta il tono cutaneo. Inoltre, il chirurgo deve prevedere, almeno a grandi linee, se la pelle sarà sufficientemente elastica da adattarsi alla nuova situazione.
  • In quale periodo dell’anno e preferibile fare la Liposuzione?
    Anche se l’intervento può essere effettuato durante tutto l’anno, i mesi freddi sono da preferire soprattutto perché dopo l’intervento è preferibile non esporre l’area trattata al sole per qualche settimana, e perché col caldo è fastidioso potrare la guaina. Se questi fattori non costituiscono un problema la Liposuzione/Liposcultura può essere eseguita anche d’estate.
  • Molti sostengono che l’anestesia locale è più sicura della generale (o totale). Perché?
    L’anestesia locale è sicura se il dosaggio non è eccessivo. Quando le aree da aspirare sono molto estese, l’anestesia generale (per inalazione) garantisce ottimi risultati, riducendo al minimo i rischi. Si tratta di valutare la tua personale percezione del dolore ed il comfort che vuoi provare durante l’intervento. Già dopo qualche ora dal termine dell’intervento è comunque possibile tornare a casa.
  • In cosa consiste l’anestesia locale con sedazione?
    La cosiddetta sedazione consiste nella somministrazione di per via endovenosa di farmaci che diminuiscono o annullano i fastidi legati all’intervento: si tratta di sostanze ad azione ansiolitica (diminuiscono la tensione), ipnotica (fanno sonnecchiare), analgesica (diminuiscono il dolore); alcuni inducono infine amnesia (non si ricorda pressoché niente del tempo dell’intervento).
  • In base a cosa si stabilisce l’opportunità di operare in anestesia locale o generale?
    La scelta dipende principalmente dal numero delle aree da operare, dalla quantità da aspirare per singola zona e dal tuo peso. La maggior parte degli interventi (di entità piccola o media) si possono comunque fare in anestesia locale con sedazione,  in regime di day hospital. Se l’aspirato previsto è maggiore di 2,5 litri, si valuterà l’opportunità di operare in anestesia generale. La degenza sarà sempre in day hospital o, se necessario, con 1 notte di ricovero.
  • Alcuni sostengono che per ottenere buoni risultati, la Liposuzione/Liposcultura deve essere fatta in anestesia locale col cliente in piedi, per visualizzare meglio le adiposità da asportare. E’ vero?
    Con la Liposuzione-Liposcultura, non sempre è possibile mantenerti in piedi: la pressione tende ad abbassarsi ed è facile svenire. La valutazione viene fatta dal chirurgo plastico. Inoltre, con tecniche avanzate come la Liposcultura superficiale, dopo che il grasso è stato aspirato, se si sta in piedi, la pelle appare cadente. Il risultato può sembrare deformante e completamente diverso da quello che sarà l’esito, dopo il modellamento finale e la medicazione compressiva eseguiti dal chirurgo.
  • Quali sono le possibilità nella Liposcultura dei polpacci e delle caviglie?
    La Lipoaspirazione dei polpacci e delle caviglie è possibile e, se ci sono le giuste indicazioni si possono ottenere dei buoni risoltati, in particolare, con la nuova tecnica “Contouring”. Ciò che si rimodella con la Liposcultura è il grasso, perciò, se il volume delle caviglie è causato dalla componente muscolo-tendinea o ossea non si può fare molto. La ritenzione idrica non è una controindicazione ma, dopo l’intervento, può permanere e quindi limitare la validità del risoltato finale. In questa regione il gonfiore post operatorio dura di più che negli altri distretti. E’ perciò molto opportuno eseguire l’intervento nei mesi freddi e sottoporsi poi a sedute di Linfodrenaggio, presso i centri specializzati da noi segnalati.
  • Chi ha problemi di circolazione può sottoporsi a Liposuzione/Liposcultura?
    Si, l’intervento può essere eseguito nella maggior parte di casi con buone prospettive, sia estetiche che fisiche. Le modalità dell’intervento devono comunque essere analizzate nel corso della visita preliminare.
  • E’ necessario interrompere l’assunzione della pillola anticoncezionale prima dell’intervento? Altrimenti aumenterebbero i rischi?
    E’ consigliabile. Nelle donne che assumono la pillola è necessario praticare prima e dopo l’intervento una profilassi con farmaci anticoagulanti (derivati dell’eparina).
  • Dopo la Liposuzione/Liposcultura è indispensabile fare il linfodrenaggio?
    Il Linfodrenaggio accelera la guarigione e ci si sgonfia prima. Non è indispensabile, ma è comunque fondamentale.
  • Dopo l’intervento compare subito dolore nella zona operata? E dopo qualche giorno? Si può camminare e fare ginnastica? Dopo quanti giorni?
    Il dolore è in genere sopportabile e può essere alleviato con degli analgesici. Si tratta di un fatto soggettivo cha varia a seconda delle persone e dell’entità dell’intervento. Si può camminare subito e riprendere le attività sportive dopo 1-2 settimane a seconda dei casi e del tipo di sport.
  • E’ proprio necessario portare la guaina dopo l’intervento?
    La medicina non è matematica, quindi tutto si può cambiare o modificare utilizzando però il buon senso. I chirurghi plastici consigliano di portare la guaina (un indumento assolutamente non fastidioso che permette di vestirsi come si vuole) inizialmente per almeno 1 settimana; per questo, le migliori organizzazioni la contempla compresa nel trattamento all-inclusive. Dopo la rimozione dei punti è meglio portarla ancora per 2-3 settimane ma questo dipende dall’entità del grasso asportato e dalla sede/i dove è stato fatto l’intervento. La compressione serve a compattare meglio i tessuti che sono stati in un certo modo trattati come un formaggio gruviera dalla cannula che ha asportato il grasso. Se l’intervento è limitato, la guaina può anche essere evitata. Ma, visto che non dà alcun fastidio, nel dubbio, è meglio portarla per avere un risultato ottimale e limitare i gonfiori. La guaina può essere inoltre sostituita con delle calze elastiche compressive (140 denari)

Fonte:

Vero e Falso sulla Liposuzione