Dieta: i miti da sfatare

1° MITO Mangiare la sera fa ingrassare
A dire il vero: le calorie contano a seconda di quante ne mangi. Non ci sono studi certi che dimostrino che le calorie assunte la sera siano peggiori di quelle della mattina. E’ la somma delle calorie giornaliere che conta.

2° MITO No ai cibi ad alto indice glicemico
A dire il vero: puoi usare il valore dell’indice glicemico per regolare la tua dieta, ma non deve essere l’unico sistema per perdere peso. Per le persone che devono ridurre i carboidrati può essere un metodo efficace.

3° MITO Meno grassi mangi, meglio è
A dire il vero: per molte persone pesare i grassi serve per controllare il peso corporeo, ma non è un metodo corretto per tutti. Le persone con problemi cardiaci, diabete, sindrome metabolica potrebbero beneficiare nella dieta dell’aggiunta di alcuni grassi insaturi in cambio di una riduzione dei carboidrati.

4° MITO Per mangiare meno sodio meglio usare il sale marino
A dire il vero: scegliere un sale più pregiato non è una garanzia per avere un prodotto meno ricco di sodio, anzi. Vero è che il sale marino, essendo grezzo, a parità di peso contiene una percentuale inferiore di sodio, ma sala anche meno quindi si tende a usarne di più.

5° MITO bere molta acqua aiuta a perde peso
A dire il vero: non è un fatto verificato. I cibi che contengono acqua (come una minestra) hanno l’effetto di farci sentire più sazi. Ma bere soltanto acqua non ha lo stesso effetto, perché il meccanismo della fame e della sete sono diversi.

6° MITO Il fruttosio è "più dietetico" dello zucchero comune
A dire il vero: l’apporto calorico è equivalente: 4 Kcal al grammo, ma possedendo un potere dolcificante circa 1,5 volte superiore a quello del saccarosio, consente un relativo risparmio calorico.

Dieta: i miti da sfatare