Troppo sport danneggia la salute sessuale degli uomini

Sport e prestazioni sessuali: un binomio che potrebbe causare problemi. Sembra infatti che l'eccesso di sport riduca la fertilità maschile

Tra sport e prestazioni sessuali sembra esserci un legame dagli effetti molto negativi: a dare l’allarme gli urologi in occasione di un convegno a Roma “Qualità di Vita in Urologia e Andrologia”. Stando alle ultime ricerche, tutte le attività sportive che producono un impatto fisico sui genitali maschili possono mettere a rischio la fertilità dell’uomo, limitando la possibilità di avere figli. Tra gli sport incriminati equitazione, ciclismo, ma anche l’atletica leggera, la maratona, l’alpinismo, il sub e le attività comunemente fatte in palestra.

Nello specifico, il dottor Francesco Sasso, andrologo al Policlinico Gemelli di Roma, spiega come tutti questi sport alla lunga vanno a ridurre l’afflusso di sangue ai genitali, comprimendo direttamente la zona perineale. Ad accomunare tutti questi sport, oltre un’azione prettamente meccanica, anche l’abuso di steroidi anabolizzanti, che vengono comunemente assunti per migliorare le proprie performance. Come sempre è l’eccesso che produce danni, quindi sono a rischio solo le persone che effettivamente sottopongono il proprio corpo ad uno stress elevato.

Il rapporto tra sport e prestazioni sessuali non è però l’unico fattore da considerarsi: la stessa scarsa igiene dei genitali potrebbe rappresentare un altro importante elemento di rischio. Negli ultimi anni si sta registrando difatti un boom di infezioni sessuali, determinate sia dalla scarsa igiene che dal mancato utilizzo di una corretta contraccezione. Dal papilloma virus alla clamidia, sono tante le infezioni che possono essere trasmesse durante i rapporti sessuali e che alla lunga aumentano la possibilità di sviluppare una forma tumorale o ridurre la propria fertilità.

Ad oggi su 93.400 ragazzi presi in considerazione, ben l’8,4% ha contratto l’infezione da Clamidia, con una percentuale più elevata al Nord Italia, rispetto al Sud. Gli altri dati riportati dagli andrologi non sembrano rassicurare, anzi mostrano un quadro alquanto preoccupante. Al di sotto dei 35 anni, il 13% dei maschi presenta già problemi di funzionalità erettile e uno su tre manifesta difficoltà a livello sessuale o problematiche di tipo andrologico. La fertilità viene messa a rischio anche da altri comportamenti scorretti molto diffusi tra gli adolescenti, come il consumo di bevande alcoliche, il fumo di sigaretta, l’abuso di sostanze stupefacenti o la stessa obesità.

Troppo sport danneggia la salute sessuale degli uomini