Tè al bergamotto, la bevanda che riduce l’infiammazione e aiuta a digerire

La bevanda a base di tè nero aromatizzato al bergamotto possiede numerose proprietà benefiche per il nostro organismo

Il tè al bergamotto è una bevanda molto amata, originaria del sud-est asiatico ma ormai diffusa ovunque. Nasce da una miscela di tè nero, le cui foglie vengono aromatizzate con estratto di bergamotto, cosa che conferisce a questa varietà un delicato sapore agrumato.

Questa bevanda possiede diverse proprietà per la nostra salute, grazie ai particolari composti vegetali contenuti nel bergamotto. Sul suo succo e sugli estratti di questo agrume sono stati compiuti molti studi, che hanno evidenziato i loro effetti benefici dovuti soprattutto alla presenza di antiossidanti. Queste sostanze contrastano la formazione di radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare, come evidenziato da uno studio pubblicato su Food Sciences and Nutrition.

Il tè al bergamotto è molto utile per ridurre e prevenire i problemi digestivi: le teaflavine, contenute in gran quantità nelle miscele di tè nero, contrastano l’insorgenza di ulcere gastriche e, in generale, dei disturbi legati allo stomaco. Una ricerca di laboratorio condotta in provetta e su animali, i cui risultati sono stati pubblicati su Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, ha dimostrato l’efficacia di queste sostanze sul dolore provocato dai problemi dello stomaco. Tuttavia, saranno necessari ulteriori studi per esaminare i loro effetti sull’uomo.

Sono invece i flavonoidi, un particolare tipo di antiossidanti, ad agire nei confronti delle infiammazioni. Stando ad uno studio pubblicato su Clinical Nutritionil succo di bergamotto (che è molto ricco di queste sostanze) inibisce il rilascio di proteine della fase acuta in chi soffre di colite infiammatoria intestinale. Mentre la ricerca in vitro pubblicata sul BMC Complementary and Alternative Medicine ha suggerito che l’estratto di questo agrume combatta l’infiammazione causata dall’Helicobacter pylori.

Il tè al bergamotto, infine, riveste un ruolo notevole nella salute del cuore. Le miscele di tè nero contribuiscono a tenere sotto controllo la pressione, come dimostrato da uno studio condotto su un campione di 95 persone a rischio di ipertensione. Mentre i flavanoni, contenuti nel bergamotto, inibiscono gli enzimi che producono il colesterolo e riducono i livelli di trigliceridi nel sangue.

Le possibili controindicazioni del tè al bergamotto riguardano solamente un suo consumo eccessivo. Questa bevanda contiene infatti tannini, sostanze che possono interferire con l’assorbimento del ferro: per saperne di più consultate il vostro medico, così da sciogliere ogni dubbio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tè al bergamotto, la bevanda che riduce l’infiammazione e aiuta a d...