Staminali negate: e se fossi tu la loro mamma? Guarda il video

Dopo aver effettuato infusioni di staminali i bambini sono migliorati, ma adesso le cure vengono di nuovo negate...

Celeste di Venezia. Gioele di Marsala. Sofia di Firenze. Sebastian di Modena. Tutti questi bimbi e le loro famiglie, hanno un grandissimo problema in comune: sono colpiti da spietate malattie neurodegenerative, che prima inibiscono normali funzioni vitali e poi progressivamente si aggravano portando spesso alla morte. Per queste malattie la medicina ufficiale non ha ancora trovato nessuna cura sicura e sperimentata. Per questo le famiglie di questi bambini hanno provato una strada rischiosa e senza alcuna certezza. Tra mille problemi hanno intrapreso l’unica via che secondo loro dà una speranza: quella delle cure compassionevoli a base di staminali adulte del metodo Stamina, presso una struttura pubblica, gli Ospedali Civili di Brescia. I bambini sono migliorati ma ora la struttura nega loro la possibilità di continuare le cure. La Iena Golia è andata a indagare

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Staminali negate: e se fossi tu la loro mamma? Guarda il video