Sindrome premestruale: la dieta che aiuta a stare meglio

Ogni donna conosce bene i sintomi della sindrome premestruale, quello che forse in molte non sanno è che l’alimentazione può aiutare a stare meglio.

Dolori, malumore, attacchi di fame, acne, tendenza a mangiare cibi dolci, l’irritabilità, stanchezza, ogni mese le donne hanno a che fare con i fastidiosi sintomi della sindrome premestruale determinati dagli squilibri ormonali tipici di questo periodo. La dieta può aiutare a tenere a bada questi sintomi, ecco cosa mangiare e cosa evitare per stare meglio.

Alimenti amici del buonumore e della linea
Frutta, verdura possono essere dei preziosi alleati grazie al loro apporto di vitamine e sali minerali, in particolare sono utilissimi i cibi che contengono magnesio, come le verdure a foglia verde, i carciofi, le banane e le mandorle. A incidere positivamente sul rilascio di serotonina (l’ormone del benessere), sulla voglia di dolce e sul senso di gonfiore, ci sono poi cereali integrali, patate, pomodori, avocado, ananas legumi, cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cime di rapa, germe di grano, noci, pinoli e pistacchi.

Cibi contro crampi e dolori
Fra i sintomi ricorrenti ci sono anche dei fastidiosi dolori, come mal di testa o crampi alla pancia. I cibi ricchi di omega 3 contribuiscono a evitare che insorgano. Via libera dunque a pesce azzurro (acciughe, sgombri, tonno e sarde), salmone, frutta secca e semi di lino.

Per una bella pelle
Anche la pelle è influenzata dall’andamento ormonale. Per evitare acne, brufoli, pelle grassa e ipersensibile, consumate alimenti che contengono zinco, come germogli di soia, semi di lino, arachidi e nocciole. Possono essere di aiuto anche infusi detossinanti, diuretici e calmanti come quelli a base di erbe, come verbena, tarassaco, melissa, valeriana, griffonia e finocchio.

Alimenti da evitare
Abbiamo visto finora cosa mangiare, ma quali sono i cibi da evitare? State alla larga da caffeina, teina e in genere sostanze nervine, cioccolato, formaggi stagionati, salumi, salse, alimenti in salamoia, dadi, prodotti confezionati, a lunga conservazione o in scatola, soprattutto se contengono sodio, glutammato di sodio, bicarbonato o solfito di sodio. Andrebbero evitati anche sedentarietà e fumo dal momento che accentuano i sintomi della sindrome premestruale.

Sindrome premestruale: la dieta che aiuta a stare meglio
Sindrome premestruale: la dieta che aiuta a stare meglio