Semi di girasole contro pressione alta e colesterolo

I semi di girasole rappresentano un valido aiuto nel contrastare la pressione alta e il colesterolo nel sangue.

Le proprietà dei semi sono da secoli riconosciute e ampiamente sfruttate nel trattamento di disturbi più o meno comuni che possono coinvolgere l’organismo. Tra questi spiccano i semi di girasole, considerati “semi della salute” in virtù dei notevoli benefici che se ne possono trarre, grazie all’assuzione costante e alla loro integrazione nell’alimentazione quotidiana.

Spesso sfruttati in cucina, magari per arricchire il gusto di zuppe e insalate, i semi di girasole aiutano a combattere e a ridurre il colesterolo cattivo LDL grazie alla presenza di acidi grassi preziosi per il nostro benessere come ad esempio: gli Omega 3, Omega 6, l’acido linoleico, l’acido folico e i fitosteroli vegetali che ne favoriscono l’assorbimento attraverso l’intestino.

Un livello contenuto di colesterolo nel sangue consente di preservare le funzionalità cardiocircolatorie riducendo il rischio di patologie cardiache anche gravi quali ad esempio l’ictus. I semi di girasole fornendo in più anche una notevole fonte di magnesio, permettono di regolare la pressione alta, di limitare il senso di stanchezza e di proteggere vene e arterie mantenendo il microcircolo funzionale anche in caso di ipertensione.

Lo stesso magnesio, unitamente al triptofano, presente anch’esso nei semi di girasole è un amminoacido indispensabile per la produzione di serotonina. Conosciuto anche come “ ormone della felicità” contribuisce a rilassare il sistema nervoso e a calmare l’organismo, in caso di situazioni di particolare stress, aiutando così a ridurre spiacevoli mal di testa ed emicranie patologiche.

Anti-infiammatori naturali e potenti antiossidanti, 100g di semi di girasole contengono circa il 300% della razione consigliata di Vitamina E, in grado di contrastare efficacemente la formazione di radicali liberi, prevenendo in questo modo anche i danni dovuti all’invecchiamento e allo stress ossidativo. Ma non è tutto! Questo tipo di semi possono ridurre in maniera significativa i sintomi di patologie osteoarticolari quali l’artrite reumatoide e l’artrosi.

I semi di girasole inoltre, rappresentano un valido supporto sia in gravidanza che durante la menopausa: ricchi di acido folico, permettono al bambino di svilupparsi perfettamente in salute e di normalizzare progressivamente eventuali sbalzi ormonali durante la fase biologica più critica per noi donne.

In un regime alimentare sano e bilanciato, sarebbe opportuno integrare abitualmente l’assunzione di semi, gli stessi che si prestano facilmente a molteplici utilizzi in cucina; quelli di girasole sono perfetti perché rappresentano una preziosa fonte di benessere per l’organismo. La Dieta dei semi ad esempio è utlissima per stimolare il metabolismo e bruciare i grassi, specie in vista dell’estate.

Semi di girasole contro pressione alta e colesterolo