Pressione alta e colesterolo: gli effetti del cumino nero per abbassarli

Il cumino nero è un preziosissimo alleato della nostra salute. Combatte colesterolo, pressione alta, obesità e tanto altro

Preziosissimo e ancora poco conosciuto, può essere l’arma vincente, del tutto naturale, nella battaglia contro pressione alta e colesterolo, e non solo.

Stiamo parlando del cumino nero, un seme di cui, già nell’antichità, erano note le proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antibatteriche.

La spezia era considerata così preziosa che il faraone Tutankamon, nella sua tomba, volle portarsi anfore ricolme di olio di cumino nero, di cui Maometto, secoli più tardi disse “cura tutto, tranne la morte”.

Un convincimento antico di tante culture, che in epoca contemporanea viene confermato da più di 700 studi scientifici che sanciscono la potentissima azione salutare della Nigella Sativa, nota come cumino nero, sesamo nero o coriandolo romano.

Basta andare sull’autorevole banca dati scientifica Medline e fare una ricerca per scoprire la validità sperimentale di quello che i nostri antenati avevano già intuito.

I tanti benefici del cumino nero possono essere sintetizzati in sette azioni che la spezia, sotto forma di seme o di olio derivato, produce sulla salute del nostro corpo.

La Nigella Sativa è, innanzitutto, un alleato prezioso per il sistema cardiocircolatorio agendo efficacemente contro pressione alta e colesterolo.

Per tenere sotto controllo la tendenza all’ipertensione, è utilissimo inserire nelle proprie abitudini quotidiane il consumo di questo seme. Basta la quantità di un cucchiaino da tè, per due o tre volte al giorno,  da usare come condimento delle pietanze, per godere della benefica azione del cumino nero.

Ma i benefici dell’uso quotidiano di questo seme si registrano anche nella lotta contro il diabete, di tipo 1 e 2. Difatti, per questa patologia il seme nero si è rivelato un’arma vincente: è un validissimo alleato del pancreas e un grande aiuto per tenere basso il livello di glicemia nel sangue.

Ma non solo. Il cumino nero combatte le cellule tumorali. Infatti, secondo studi di scienziati croati, assumendo la giusta dose di cumino nero, si riuscirebbe a contrastare fino al 52% la crescita delle cellule maligne. Il cumino nero, soprattutto sotto forma di olio, aiuta pure il nostro corpo a rendere più efficienti le funzioni epatiche, svolgendo così un ruolo di prevenzione delle malattie legate al fegato.

Altri studi hanno dimostrato che ‘il seme benedetto’ aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo e a combattere l’obesità.

L’olio di semi di cumino è inoltre un valido alleato per la salute e la bellezza dei capelli e della pelle, essendo un ottimo rimedio contro herpes, scottature, eczemi e dermatiti. Non solo,  il cumino nero è ottimo per combattere i funghi e i batteri.

Questo potentissimo alleato della salute può essere facilmente consumato (sotto forma di semi) come condimento da aggiungere ai vostri pasti quotidiani.

Come detto, esiste anche l’olio di semi di cumino nero, in cui sono più concentrati gli elementi benefici del seme.

L’unica controindicazione è in caso di gravidanza, dato che il seme potrebbe avere l’effetto di contrarre l’utero.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pressione alta e colesterolo: gli effetti del cumino nero per abb...