“Occhio” all’alcool: un bicchiere in più può danneggiarti la vista

A dimostrarlo un documentario che ha messo insieme diversi studi medici: per il bene dei nostro occhi meglio non esagerare

I pesanti effetti che l’alcool può avere sulla nostra salute sono noti da tempo, ma quello che forse non sapevi è che un bicchiere di troppo potrebbe avere conseguenze anche sulla tua vista.

La BBC ha recentemente girato un documentario dal titolo “Drinkers Like Me” in cui vengono analizzati gli effetti che anche un consumo non esagerato di bevande alcoliche può avere sul nostro organismo. Si parla di appena dieci bicchieri di vino o tre litri di birra a settimana, che esporrebbero a maggiori rischi di contrarre malattie cardiache, del fegato o addirittura tumori. E, come detto, nuocere in maniera permanente alla nostra vista.

La multinazionale francese Essilor, produttrice di lenti oftalmiche e apparecchiature ottiche, ha commissionato uno studio con l’obiettivo di spiegare un fenomeno ben noto a chiunque abbia mai alzato un po’ troppo il gomito: la sensazione di vedere in maniera offuscata intorno a noi dopo aver bevuto. Ebbene, l’alcool in eccesso inibisce la comunicazione tra i neurotrasmettitori del nostro cervello. Questo significa che l’informazione non passa in modo efficace tra il cervello e l’occhio, influenzando la nostra capacità di vedere. Per brevi lassi di tempo non saremo nemmeno in grado di identificare i contorni e i contrasti tra i diversi colori: non avremo infatti il pieno e totale controllo sulle nostre pupille, che non si stringeranno o dilateranno in maniera corretta o naturale. Il potere dell’occhio di rilevare le differenze tra luce e buio, come confermato dalla Western University in Canada, sarà ridotto fino al 30%.

Questi effetti, chiaramente, saranno scomparsi una volta superata la sbornia. Ma il vero problema è che il ripetersi di questo fenomeno potrà indebolire i muscoli degli occhi, procurando danni potenzialmente irreparabili ai nervi ottici che trasportano le informazioni dagli occhi al cervello. Potremmo infatti soffrire di cataratta, miochimia (spasmi involontari della palpebra) e la tipica secchezza agli occhi. In casi più gravi, poi, potrebbero subentrare la paralisi dei muscoli degli occhi, la cecità notturna o addirittura – come confermato dal British Journal of Ophthalmology – la neuropatia ottica. In altre parole una completa perdita della vista.

Insomma: quando ti sorge il dubbio se bere quell’ultimo bicchiere o lasciar perdere, la risposta vien da sé. I tuoi occhi, un domani, potrebbero ringraziarti.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

“Occhio” all’alcool: un bicchiere in più può danne...