Meno social più benessere: ecco il tempo giusto da passare online

Da uno studio è emerso che ridurre il tempo che passiamo sui social può farci stare meglio a livello psicologico

Social gioie e dolori: sempre più parte integrante della nostra vita e delle nostre giornate, dobbiamo farne un uso oculato. Necessariamente.

Tutti noi abbiamo un rapporto di odio e amore con i social. Se da una parte, infatti, possono essere molto utili per il lavoro, per riallacciare contatti con persone lontane o per farsi ispirare, dall’altra spesso sono il canale attraverso il quale si diffondono le bufale e il loro uso può creare dipendenza.

Basti pensare a quante ore passiamo nell’arco della giornata a navigare tra i vari social, spesso senza renderci conto del tempo realmente trascorso. Troppe, soprattutto se si pensa che questo non può avere ripercussioni positive sul nostro benessere.

Ma la risposta all’uso eccessivo di piattaforme come Facebook e Instagram non deve essere per forza il digital detox o l’addio ai social per diversi giorni: da uno studio recente è emerso che la quantità di tempo corretta da trascorrere sui social è di 30 minuti al giorno. A dirlo sono gli studiosi dell’Università della Pennsylvania, che ne hanno fatto ridurre l’uso ad alcuni studenti, riscontrando un miglioramento sotto il profilo del loro benessere psicologico.

Gli studenti sottoposti al test sono stati suddivisi in due gruppi. Uno ha continuato liberamente ad accedere a Facebook, Instagram e Snapchat, l’altro ha avuto il limite di 10 minuti al giorno per ciascuna delle tre piattaforme.

A tutti è stato chiesto di rispondere a domande all’inizio e alla fine del periodo di test su argomenti come ansia, depressione, solitudine e autostima. Dalle risposte è risultato evidente che, chi ha ridotto a 30 minuti giornalieri il tempo trascorso sui social media, ha visto una diminuzione della depressione e del senso di solitudine.

Quindi, per stare meglio e per sentirsi meno dipendenti dai social, la parola chiave è riduzione. Se non si riesce ad arrivare ai 30 minuti giornalieri, basta imporsi delle regole e cercare di non sforarle. Il risultato è più tempo per noi stessi, per le persone alle quali vogliamo bene e da trascorrere dedicandoci ad attività che ci fanno stare bene. Tra l’altro Facebook, tramite l’applicazione, ci permette di monitorare il tempo che trascorriamo ogni giorno sul social e di impostare un promemoria giornaliero per limitarne l’uso.

Meno social più benessere: ecco il tempo giusto da passare onlin...