Leggere migliora la nostra salute: lo dice la scienza

Leggere migliora la salute? Ebbene sì, questa attività non solo si rivela un perfetto toccasana per l'organismo, ma riduce lo stress ed aiuta la memoria

Leggere migliora la salute e favorisce il benessere mentale. A confermarlo sono numerosi studi, i quali affermano che questa pratica può apportare benefici allo stato psicofisico di un individuo. Non si tratta sicuramente di una teoria nuova, ma ora le conferme arrivano anche da un’infografrica basata su una serie di studi scientifici. I libri sono un toccasana per la salute dell’organismo. Sono tantissime le ragioni per le quali l’amore per i libri può favorire il senso di benessere, anche a livello psicologico. Naturalmente questa attività non equivale ad un corretto stile di vita ed una sana alimentazione.

In realtà contribuisce a suo modo al raggiungimento del senso di beatitudine. Dall’infografica emerge che la lettura può aiutare a vivere meglio e a sentirsi felici. Bastano solo sei minuti di lettura per ridurre lo stress del 60%. Non solo, leggere un libro anche per breve tempo permette di alleviare la tensione muscolare e rallentare il battito cardiaco. Bisogna inoltre tenere in considerazione i benefici che la lettura può apportare al cervello. In particolare, pochi minuti al giorno di questa attività possono migliorare ed ampliare il lessico, agevolando la concentrazione e il senso di apprendimento.

Leggere rende più attraenti e apporta benefici per la memoria. Allo stesso tempo questa attività aiuta a sviluppare l’empatia verso il prossimo. Uno dei principali aspetti della lettura è proprio quello di stimolare la sensibilità interiore. Infatti, alcune teorie stabiliscono che i lettori hanno maggiore successo nella vita e raggiungono con facilità i loro obiettivi. E’ bene dunque prendere in considerazione questi vantaggi anche per quanto riguarda i più piccoli, poiché potrebbero rivelarsi davvero produttivi per il loro sviluppo.

Si consiglia infatti di assumere la buona abitudine di leggere ai bambini, poiché in questo modo si instaura un legame molto più profondo. Leggere una piacevole fiaba prima di andare a dormire può contribuire allo sviluppo del cervello e rendere i bambini appassionati di libri. Allo stesso modo è preferibile cercare di approcciare i più piccoli alla lettura il prima possibile. Non è un caso che lo scrittore statunitense Waldo Emerson affermò che se si incontra un uomo dall’intelligenza rara, sarebbe di buon auspicio chiedergli quali libri ha letto.

Leggere migliora la nostra salute: lo dice la scienza