Le cucine in disordine fanno ingrassare: favoriscono gli spuntini

Vivere con la cucina sporca e in disordine è un attentato alla dieta: lo dice una ricerca della Cornell University su 101 donne di età varie

Sembra incredibile, ma la cucina sporca influisce negativamente sulla dieta. Lo dice una ricerca della Cornell University, pubblicata sulla rivista Environment and Behavior. Lo studio ha avuto luogo su 101 donne, ma i ricercatori sono certi che un test effettuato sugli uomini darebbe lo stesso identico risultato: chi vive nel caos tende ad avere una maggiore propensione a consumare spuntini fuori pasto, vanificando settimane di dieta.

La ricerca ha semplicemente invitato 101 donne, scelte in modo da rappresentare diverse fasce di età, di attendere per alcuni minuti una persona all’interno di una cucina. Metà delle cavie sono state abbandonate in una cucina perfettamente pulita ed ordinata, l’altra metà erano in una cucina totalmente in disordine. In entrambi i casi erano disponibili delle coppe contenenti biscotti, cracker e carote. Ad alcune donne è stato chiesto di ripensare ad un particolare momento della loro vita in cui si sono sentite fuori controllo.

Le persone lasciate in una cucina sporca, mentre ripensavano ad un momento in cui si erano sentite fuori controllo, hanno mangiato biscotti molto più spesso delle altre, ed in quantità quasi tripla, 103 calorie, contro le circa 38 delle donne rimaste in una cucina in disordine, ma che ripensavano ad una situazione in cui si erano sentite in condizione di controllo. Il risultato sembra essere molto chiaro: quando siamo in un ambiente caotico e ci sentiamo totalmente fuori controllo tendiamo a mangiare cibi grassi e ipercalorici. Durante la ricerca il consumo di cracker e di carote non è stato influenzato dalla condizione mentale delle donne. Sembra certo che tale situazione si verifichi nello stesso identico modo anche con gli uomini.

Mantenere la casa in ordine ed avere una condizione mentale tranquilla e piacevole potrebbe, per contro, favorire un’alimentazione più sana e una dieta corretta, scevra da cibi grassi mangiati fuori pasto. I risultati di questa ricerca sono abbastanza particolari, anche se ora è da capire come si possa porre rimedio a situazioni similari che si realizzano nel quotidiano, in modo da aiutare tutte quelle persone che sono costrette ad un regime alimentare a basso contenuto di cibi dolci e grassi. Per affrontare in modo positivo la dieta serve anche avere una vita lontana dal caos.

Immagini: Depositphotos

Le cucine in disordine fanno ingrassare: favoriscono gli spuntini