La pillola anticoncezionale fa male?

Non bastava il timore della ritenzione idrica o della trombosi venosa: adesso, a quanto sostiene un nuovo studio sulla pillola anticoncezionale, dovremo preoccuparci anche del rischio di infarto e ictus.

La ricerca danese, pubblicata sul New England Journal of Medicine, ha studiato 1.600.000 donne tra i 15 e i 49 anni che fanno un uso regolare della pillola anticoncezionale, seguendole per 15 anni. Secondo i risultati la probabilità di eventi cardiovascolari aumenterebbe oltre il 50% assumendo etinilestradiolo in dosi dai 30 ai 40 microgrammi: si tratta di un estrogeno contenuto in quantità variabili in alcune pillole anticoncezionali di ultima generazione.

Gli stessi effetti collaterali sono stati osservati in cerotti e anelli vaginali, che costituirebbero un fattore di rischio uguale o addirittura superiore a quello delle pillole a più alto dosaggio. Al contrario, le pillole e le spirali che contengono unicamente un progestinico, non associato dunque all’estrogeno etinilestradiolo, sarebbero più sicure dal punto di vista del rischio cardiovascolare.

Questi dati tuttavia, al contrario di quanto sembri, non devono allarmare, sostiene il coordinatore dello studio Øjvind Lidegaard: l’importante è scegliere la pillola giusta in maniera consapevole, tenendo conto degli eventuali fattori di rischio già presenti. "Le pillole sono molto simili fra loro, ma ogni donna è diversa dall’altra e ha caratteristiche che aumentano o riducono la probabilità di effetti collaterali", precisa lo studioso. "Quindi, fermo restando il principio che è opportuno usare gli ormoni alle dosi più basse, è indispensabile valutare tutti i fattori di rischio presenti e scegliere il contraccettivo più sicuro e adatto in ciascun caso: oggi per fortuna le possibilità sono molteplici e ogni donna può trovare la soluzione migliore in ogni periodo della vita".

Ad esempio, dopo i 35 anni secondo lo studio il pericolo di eventi avversi cardiovascolari aumenta: invece dell’anello vaginale può essere preferibile la spirale, priva di rischi cardiovascolari e che secondo un’altro recente studio è addirittura più efficace della pillola.

La pillola anticoncezionale fa male?