La personalità è decisa dal sistema immunitario #lodicelascienza

Personalità: ecco cosa rivelano alcuni studi recenti riguardo gli aspetti che possono celarsi dietro la propria individualità

La personalità di un individuo può essere correlata al suo sistema immunitario. Per quanto gli animali si siano evoluti, le probabilità di entrare in contatto con agenti patogeni e il rischio di sviluppare infezioni dai loro compagni sono aumentate. Di conseguenza, vi è la necessità di un sistema immunitario più forte. Delle recenti ricerche hanno rivelato che il sistema immunitario dei topi è in grado di controllare in maniera diretta le parti del cervello, responsabili dei rapporti sociali.

Socializzare ha effetti benefici sulla salute mentale e ciò può dipendere proprio dal fattore immunità. Gli studiosi spiegano come i topi che sono stati allevati per la mancanza di una particolare molecola immunitaria chiamata interferone gamma (IFN-γ), con la funzione di combattere gli agenti patogeni, abbiano manifestato dei deficit sociali quando interagivano con altri topi. Gli esperti hanno utilizzato la risonanza magnetica per osservare attentamente l’attività celebrale degli animali. In tal modo è stato scoperto che determinate zone del cervello che hanno lo scopo di controllare il comportamento sociale, sono diventate del tutto iperattive.

Gli stessi atteggiamenti si verificano negli esseri umani con autismo. Una volta iniettata la molecola IFN-y, gli effetti sui topi sono stati istantanei. Questi ultimi, infatti, hanno iniziato a comportarsi come dei topi sani, senza manifestare alcun tipo di anomalia a livello sociale. Durante il monitoraggio dell’attività neuronale di questi roditori, la squadra ha scoperto che l’introduzione di IFN-γ ha portato ad un aumento dei livelli di un neurotrasmettitore chiamato GABA, il quale inibisce i neuroni di queste zone del cervello ed allevia lo stato di iperattività. Gli esperti dunque spiegano che il sistema immunitario e la personalità sono stati pensati per essere isolati gli uni dagli altri.

Pertanto ogni attività immunitaria viene percepita dal cervello come il segnale di una patologia. La personalità ed il sistema immunitario non solo sono strettamente collegati, ma alcuni tratti comportamentali potrebbero essersi evoluti in base alle difese immunitarie. Il legame evolutivo che distingue ogni persona, scaturisce quindi dall’immunità e dai tratti comportamentali. Sulla base di questa constatazione, gli autori dello studio ipotizzano che l’immunità può anche contribuire alla variazione dei circuiti neuronali del cervello, responsabili della personalità e degli atteggiamenti quotidiani.

La personalità è decisa dal sistema immunitario #lodicelascienza