La luce del display dello smartphone e l’insonnia: cosa sapere

La luce dello smartphone e il sonno sono due elementi che molto spesso possono entrare in conflitto fra loro, ecco alcune cause

La luce dello smartphone e il sonno sono due aspetti da non trascurare assolutamente, poiché a lungo andare quest’abitudine può comportare dei veri e propri disturbi del riposo notturno. Sono tantissime infatti le persone che una volta distesi nel letto o prima di coricarsi passano molto tempo col proprio cellulare in attesa che la stanchezza prenda il sopravvento. Molto spesso però non si prende in considerazione che la loro luce può causare degli effetti collaterali per la propria salute.

E’ preferibile infatti evitare l’uso dei dispositivi elettronici dopo un certo orario, poiché non bisogna dimenticare che il cervello e gli occhi ne risentono fortemente. Dunque, la luce dello smartphone e il sonno cos’hanno realmente in comune? Gli esperti spiegano che l’utilizzo eccessivo dello smartphone non solo può causare malessere ed insonnia, ma allo stesso tempo provoca affaticamento e spossatezza al risveglio nel mattino seguente.

Passare molte ore a chattare, mandare sms o inviare numerose email rovina la qualità del sonno, incidendo di conseguenza sulle prestazioni del giorno successivo. Il segreto per dormire bene e svegliarsi completamente sereni e rilassati con le giuste energie per affrontare la giornata è quello di smettere di utilizzare lo smartphone dalle 21 in poi. I ricercatori spiegano che la causa principale risiede precisamente nella luce blu emessa dal cellulare, la quale non solo ostacola il giusto relax che precede il riposo, ma allo stesso tempo rallenta notevolmente la produzione dell’ormone del sonno, ovvero la melatonina.

A causa di ciò possono insorgere dei veri e propri disturbi durante il riposo. Dagli studi infatti emerge che coloro che usano il cellulare oltre le ore 21 manifestano difficoltà di concentrazione ed apprendimento.
La luce emessa dai dispositivi tecnologici disturba la preparazione della fase REM. Questo tipo di illuminazione va ad incidere negativamente sull’organismo, poiché altera l’umore e prolunga l’attenzione, causando una scarsa qualità del sonno. Se proprio non si riesce a fare a meno della tecnologia, è consigliabile dunque prediligere attività serali maggiormente rilassanti come ad esempio guardare un buon film in televisione.

La luce del display dello smartphone e l’insonnia: cosa sap...