L’aspirina arma contro il cancro?

L’aspirina previene il cancro? Una nuova ricerca americana, pubblicata sul Journal of the National Cancer Institute e condotta su oltre 300mila volontari seguiti per 12 anni, ha evidenziato che tra i consumatori abituali di aspirina il tumore al fegato incide in maniera inferiore del 41 per cento rispetto a chi non usava l’acido acetilsalicilico.

E non è tutto: chi assumeva quotidianamente una dose di aspirina ogni giorno e soffriva di malattie croniche del fegato è andato incontro a un tasso di mortalità inferiore del 46 per cento. Nessun beneficio invece quanto a ridotta incidenza di tumori tra i volontari che utilizzavano altri farmaci antinfiammatori non steroidei.

Già in passato sono stati condotti alcuni test su chi già assumeva la cardio-aspirina per la prevenzione da disturbi cardiovascolari, ed è stato dimostrato che dosi quotidiane di questa medicina riducono nel lungo termine il rischio di morire per cancro e in particolare di tumore colonrettale.

Insomma: per una persona sana allora vale la pena di prendere ogni giorno un’aspirina per abbassare in futuro il rischio di contrarre un cancro? Non è così semplice. Come spiega al Corriere della Sera Filippo de Braud, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica alla Fondazione Irccs Istituto Nazionale Tumori di Milano, "L’aspirina è un potente antinfiammatorio e come tale può essere considerato un buon agente nella chemioprevenzione di quelle patologie che si associano a uno stato infiammatorio cronico. Infatti, uno dei meccanismi di formazione del cancro potrebbe essere lo stimolo proliferativo dovuto all’infiammazione su cui poi può inserirsi l’azione di un cancerogeno o un qualche errore del Dna che agevoli la trasformazione neoplastica delle cellule".

Tuttavia, conclude de Braud, "non c’è ancora un’indicazione a utilizzarli che si possa definire standard": infatti, se assunti con regolarità a dosi importanti, questi farmaci presentano effetti collaterali (emorragie, gastriti, trombosi) e occorre valutare con attenzione i pro e i contro nel somministrarli a una persona sana, anche se a rischio di cancro.

 

L’aspirina arma contro il cancro?