In forma coi videogame

Tonica e informa nel soggiorno di casa tua

Belle, toniche e in forma: così vuole le donne oggi la moda, così le dipinge la pubblicità, così le raffigura la televisione. Adesso però ci si mettono pure i videogiochi, che da un lato propongono dei nuovi giochi per rassodarle e tornirle; dall’altro, già che sono più belle, suggeriscono loro di diventare delle sensuali trapeziste da salotto della lap dance.

Protagonista di questa svolta (o persecuzione) casalinga la console Nintendo Wii, con la “Balance Board”. È una sorta di bilancia in grado di rilevare i movimenti corporei grazie a dei sensori: gli spostamenti di peso sulla “tavoletta” vengono trasformati in movimenti sullo schermo, così che si possa interagire dinamicamente con i giochi. Che sono simili a veri e propri esercizi da palestra, dallo jogging all’hula-hop, dalle flessioni agli allungamenti, resi divertenti e coinvolgenti, ma anche efficaci grazie a una sorta di dietologo (la board rileva con precisione peso e massa corporea) e personal trainer virtuale.

Non contenti di far sudare i videogiocatori, però, i produttori hanno pensato di spingersi un passo più in là, ed entrare in camera da letto (in fondo è ginnastica anche quella). L’americana Peekaboo, un’azienda specializzata in “pali” domestici, sarebbe infatti in procinto di realizzare un gioco basato sulla lap dance. Così come Guitar Hero ha reso il rock ‘n’ roll “suonato” accessibile a chiunque, ora anche le evoluzioni da stripper si apprestano a invedere le case. E, come sottolineano alla Peekaboo, a ravvivare la vita sessuale degli acquirenti, ma anche a ridurne il giro vita. Sempre più diffusi nelle palestre e nei club benessere i pali da lap dance consentono infatti di consumare circa 300 calorie in un’ora di “esibizione”. E con una testimonial come Carmen Electra (ispiratrice di un attrezzo della Peekaboo), il vostro lui non oserà fare obiezioni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In forma coi videogame