Gli inestetismi dell’addome e l’Addominoplastica

L’aspetto disarmonico e antiestetico dell’addome (la cosiddetta pancia) può essere causato da:

  • accumulo di grasso
  • rilassamento dei muscoli addominali
  • eccesso di pelle

Questi fattori sono spesso associati tra loro in modo variabile.

Quali sono le principali cause di inestetismi dell’addome e qual è il loro trattamento?

ECCESSO DI GRASSO:

  • sovrappeso
  • adiposità localizzata (insensibile a diete, esercizio fisico e trattamenti di dimagrimento).

Si suggerisce l’abbinamento di:
Dieta
Liposcultura con aspirazione di grasso: il grasso in eccesso viene aspirato con apposite cannule che vengono introdotte attraverso due piccole incisioni cutanee (2-3mm). L’intervento si esegue nella maggior parte dei casi in anestesia locale, ambulatorialmente o in Day Hospital. Dopo pochi giorni, puoi ritornare alle normali attività.

RILASSAMENTO MUSCOLARE DELL’ADDOME:

  • costituzionale
  • dopo una o più gravidanze
  • dopo interventi chirurgici
  • dovuto all’ età avanzata

Si consigliano le procedure di:
Mini-addominoplastica
Addominoplastica (Plastica dei muscoli addominali)

L’intervento si esegue in anestesia generale con ricovero in clinica di 1 giorno. Si pratica un’incisione semicircolare a livello del pube (simile a quella del taglio cesareo) e la pelle viene parzialmente scollata dai muscoli sottostanti. Se c’è grasso in eccesso, viene eliminato con la Lipoaspirazione. La fascia muscolare rilassata viene poi rinforzata e rimessa in tensione con dei punti robusti che portano a un appiattimento della “pancia”.
L’incisione cutanea viene quindi chiusa con alcuni punti che vengono rimossi dopo dieci giorni. La cicatrice viene facilmente nascosta sotto il bikini. Puoi tornare alle normali attività dopo 1 settimana.

ECCESSO DI PELLE:

  • dopo un dimagrimento
  • dopo una o più gravidanze
  • dovuto all’ età avanzata
  • associato ad accumulo di grasso e a rilassamento muscolare

Procedure consigliate:
Mini-Addominoplastica
Addominoplastica (Dermolipectomia) con trasposizione dell’ombelico.

L’intervento viene fatto in anestesia generale con un ricovero in clinica di 1 giorno.
L’incisione è simile a quella già descritta per la plastica dei muscoli, ma aumenta di lunghezza in rapporto alla quantità di pelle da asportare: maggiore è la pelle in eccesso, più lunga sarà l’incisione cutanea che, in ogni caso, potrà essere nascosta sotto il costume da bagno. Lo scollamento cutaneo è simile a quello già descritto e, se necessario, si esegue una plastica dei muscoli addominali per metterli in tensione. Al momento della chiusura, la pelle viene tirata verso il basso (Lifting dell’addome) e quella in eccedenza viene eliminata insieme alle smagliature presenti su di essa. La pelle della regione pubica viene tirata verso l’alto ottenendo nelle donne un efficace lifting del pube, nei casi in cui anche questa zona sia rilassata. L’ombelico viene riposizionato con una piccola incisione praticata sul lembo di pelle (quella che si chiama trasposizione dell’ombelico). In questo modo possono essere asportate grandi quantità di pelle e grasso e si può ottenere una “pancia piatta”, anche se sei afflitta afflitta dal cosidetto “grembiule addominale”o ventre pendulo .

Come risolvere i propri inestetismi dell’addome
L’Addominoplastica, nelle sue variazioni tecniche, può efficacemente eliminare l’eccesso cutaneo (addome pendulo), riparare la parete muscolare correggendo la separazione eccessiva dei muscoli (diastasi dei muscoli retti dell’ addome), ed anche eliminare eventuali cicatrici o smagliature nella porzione inferiore dell’ addome (al di sotto dell’ ombelico). Nonostante sia richiesta principalmente dalle donne, soprattutto dopo una gravidanza, può essere indicata anche per gli uomini, in genere in conseguenza di una forte perdita di peso.
Non tutti i clienti hanno bisogno di un’Addominoplastica “completa”, ed esistono diverse varianti dell’ intervento, ideate per fornire caso per caso i migliori risultati con cicatrici ridotte.

Addominoplastica
L’Addominoplastica completa è indicata per la correzione di grossi eccessi cutanei, non limitati alla porzione inferiore dell’ addome, ed accompagnati da diastasi dei muscoli retti. L’intervento prevede lo scollamento completo della cute addominale (fino all’arcata costale) attraverso una lunga incisone sovrapubica, il riposizionamento dell’ ombelico e la plastica dei muscoli retti. La cicatrice che residua all’intervento è piuttosto estesa, ma di norma ben nascosta all’interno di un normale slip o costume da bagno. L’orientamento e la forma della cicatrice, inoltre, può essere modificato in base al tipo di biancheria intima che si porta abitualmente, ed andrebbe discusso con il chirurgo prima dell’intervento. Nel caso dell’Addominoplastica circonferenziale, indicata soltanto per i più estesi eccessi cutanei, la cicatrice diviene perimetrale, e l’intervento consente di eliminare la pelle in eccesso anche nella regione dorsale.

Miniaddominoplastica
La mini-Addominoplastica è normalmente indicata nei casi di eccesso cutaneo limitato alla porzione inferiore dell’ addome, senza diastasi dei retti. In questa situazione è possibile eseguire un intervento con cicatrici ridotte che non prevede il riposizionamento dell’ombelico, limitando lo scollamento cutaneo ed eventualmente associando una Liposuzione della parte alte dell’addome.

Addominoplastica associata a Liposuzione
Si tratta in genere di una mini-Addominoplastica che viene completata con la Liposuzione dei quadranti superiore dell’addome. E’ una procedura molto efficace quando non sia presente diastasi dei muscoli retti e l’eccesso cutaneo sia limitato ai quadranti inferiori dell’addome.

Liposcultura addominale
La Liposcultura addominale è indicata per la correzione degli accumuli adiposi localizzati in zona periombelicale, infraombelicale o al punto vita (le cosiddette “maniglie dell’ amore”, nell’uomo).

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gli inestetismi dell’addome e l’Addominoplastica