Giaca per abbassare la glicemia e proteggere il cuore

Originario dell'India meridionale, questo delizioso frutto appartiene alla stessa famiglia dell'ananas

Frutto esotico originario dell’India meridionale, il giaca fa parte della famiglia delle Moraceae – che comprende anche ananas, mango e banane – e si contraddistingue per benefici che vale la pena approfondire.

In questo novero è possibile includere le ripercussioni positive sul controllo della glicemia. A contribuire a questa proprietà ci pensa l’indice glicemico basso, peculiarità per la quale bisogna dire grazie alla ricchezza in fibre, dimostrata da diversi lavori scientifici (tra questi, è possibile citare uno studio pubblicato nel 2011 e condotto da un’equipe attiva presso l’Università di Sri Jayewardenepura in Sri Lanka).

Quando si parla degli effetti dell’assunzione del giaca sulla glicemia, è necessario fare riferimento anche ad alcune proteine contenute nel frutto e aventi un ruolo cruciale, scientificamente dimostrato, nella modulazione del metabolismo del glucosio.

Ricco di antiossidanti come la vitamina C e i carotenoidi, alleati preziosi quando si tratta di ottimizzare l’efficienza del sistema immunitario e di proteggere la pelle, il giaca è molto utile ai fini del miglioramento della salute del cuore.

A contribuire a questa proprietà ci pensa la presenza di potassio, elemento che ricopre un ruolo cruciale nel mantenimento della regolarità della pressione arteriosa, ma anche quella già citata delle fibre e il contenuto di antiossidanti.

Per quanto riguarda questi ultimi, è il caso di citare pure la presenza dei flavanoni, composti fenolici appartenenti alla famiglia dei flavonoidi e contraddistinti da un’importante efficacia antinfiammatoria. Non c’è che dire: il giaca è davvero uno straordinario concentrato di benefici!

Conoscerli è utile e lo stesso si può dire per le controindicazioni all’assunzione. Tra le principali è possibile citare l’allergia al frutto, particolarmente frequente nei soggetti con una diagnosi di allergia al polline di betulle.

Inoltre, è bene assumerlo con moderazione se si è in cura con farmaci antidiabetici. Per togliersi qualsiasi dubbio in merito alla sicurezza del frutto, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante prima di iniziare ad assumerlo.

Se non sussistono problemi, ci si può sbizzarrire! Il giaca, infatti, è un frutto estremamente versatile, che può essere consumato sia crudo, sia cotto. Concludiamo facendo presente che, prima di mangiarlo, bisogna tagliarlo a metà e rimuovere semi e baccelli.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giaca per abbassare la glicemia e proteggere il cuore