Allarme: arriva la flakka, la droga della follia

Arriva dagli Usa una nuova pericolosissima sostanza

Può essere assunta in qualsiasi modo possibile: sniffata, mangiata, strofinata sui bulbi oculari, vaporizzata in una sigaretta elettronica. Si chiama flakka, a volte la chiamano anche “gravel” (ghiaia) e arriva dalla Florida. E’ la droga della follia, che a un costo minimo di 5 dollari distrugge il cervello facendo perdere il senso della realtà, lasciando credere alle sue vittime di avere una forza sovraumana oltre ad allucinazioni, psicosi, picchi di adrenalina, agitazione, aggressività, aumento della pressione arteriopsa. Se non si ricevono subito le dovute cure mediche si rischia di morire. Il suo nome deriva dallo spagnolo “flaca”.

Da nessuno caso nel 2010 si è arrivati ai 670 registrati solo nel 2014

Qualche caso riportato dai giornali: un uomo in preda al delirio ha sfondato le porte del quartier generale della polizia, un altro è morto impalato nel tentativo di scalare una recinzione, convinto di essere accerchiato da cani lupi che volevano dilaniarlo, un altro ancora è fuggito nudo per strada convinto che una colonna di macchine volessero investirlo. Tutti sotto effetto della flakka.

La flakka è una droga sintetica venduta sottoforma di cristalli “rivale” della crystal meth. I suoi effetti durano da 4 ore a diversi giorni. Derivata del catinone, alcaloide presente nelle foglie di khat o qat, arbusto che cresce in Etiopia e nella Penisola Arabica. Nella versione naturale è uno stimolante simile all’amfetamina, ma mescolato ad altri elementi chimici la sua potenza risulta accresciuta a livelli che gli stessi creatori non sanno prevedere o limitare.

Dalla Florida si sta spostando in altri stati americani, e nuovi casi sono stati registrati in Texas e Ohio. La paura che arrivi anche in Europa è reale, inutile nasconderlo. Negli Usa le autorità raccomandando ai genitori di informare i propri figli di questo nuovo pericolo, e anche la polizia segue corsi di aggiornamento perché gli agenti possano riconoscere situazioni in cui una persona è sotto effetto della flakka. “Questa roba è pericolosa – ha dichiatao l’epidemiologo James Hall, della Nova Southeastern University, in Florida – Non è testata. Chi la usa deve sapere che è come una cavia di laboratorio”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Allarme: arriva la flakka, la droga della follia