Farina di kamut, riduce l’infiammazione e il colesterolo

Molto proteica e facilmente digeribile, la farina di Kamut è un toccasana per il cuore

La farina di kamut è prodotta da una varietà di grano particolare, chiamato Khorasan – dalla regione mediorientale dove in passato veniva coltivato. Sempre più spesso la troviamo sugli scaffali dei nostri supermercati, ma quali differenze ci sono rispetto alla classica farina di grano e quali benefici apporta al nostro organismo?

Il suo profilo nutrizionale è particolarmente interessante: sebbene apporti qualche caloria in più rispetto alle altre farine (in una porzione da 100 grammi se ne contano circa 310), quella di kamut è più ricca di sostanze fondamentali per la nostra salute, come proteine e sali minerali. Da notare anche la presenza di glutine, che la rende un alimento non adatto a chi soffre di celiachia o di intolleranza.

Una delle principali caratteristiche della farina di kamut è la sua azione antinfiammatoria. Uno studio condotto su 22 persone, i cui risultati sono stati pubblicati sull’European Journal of Clinical Nutrition, ha evidenziato come una dieta sostitutiva con prodotti a base di farina di kamut possa ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo, entrambi fattori che aumentano il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. Sempre a protezione del cuore, questi alimenti hanno mostrato un’efficacia nel ridurre i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue.

La farina di kamut è ottima per gli sportivi, perché è molto energetica: dal momento che fornisce un lento rilascio di zuccheri nel sangue, può garantire energia nel lungo periodo. In quanto cibo a basso indice glicemico, inoltre, è adatto a tutti coloro che devono tenere sotto controllo gli zuccheri. Un recente esperimento ha infatti dimostrato che il consumo di questo tipo di farina riduce la glicemia e stimola la risposta all’insulina, offrendo quindi un fattore preventivo nei confronti del rischio di insorgenza del diabete di tipo 2.

A livello nutrizionale, nella farina di kamut spicca la presenza di sostanze importanti quali la vitamina B3, che svolge un ruolo fondamentale nel corretto funzionamento del sistema nervoso, e sali minerali. In particolare, è ricca di selenio e di zinco: entrambi hanno efficacia antiossidante, contrastando la formazione dei radicali liberi e l’insorgenza di patologie ad essa correlate.

Infine, la farina di kamut è particolarmente ricca di proteine e possiede un buon quantitativo di fibre. Queste ultime promuovono il benessere del tratto intestinale e aumentano il senso di sazietà, aiutandoci così ad assumere meno calorie e a dimagrire. Non ci sono controindicazioni all’assunzione di cibi a base di questa farina, ad eccezione ovviamente della celiachia e di sensibilità al glutine.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Farina di kamut, riduce l’infiammazione e il colesterolo