Estratto di semi di pompelmo per proteggere cuore e digestione

Ricco di antiossidanti, se assunto con attenzione può rivelarsi un valido alleato della salute

Quando si parla del pompelmo, si chiama in causa uno dei frutti più salutari e gustosi. Discutere dei suoi benefici significa, per forza di cose, chiamare in causa anche l’estratto dei semi. Ricco di antiossidanti preziosi come la vitamina E, i flavonoidi e i polifenoli, è considerato utile ai fini del miglioramento della salute del cuore.

Interessante a tal proposito è uno studio scientifico condotto nel 2008 da un’equipe attiva presso la Lagos State University (Nigeria). Gli esperti in questione, monitorando la situazione di un gruppo di ratti, hanno analizzato gli effetti sulla glicemia dell’estratto di semi di pompelmo.

Gli studiosi si sono altresì concentrati sulle ripercussioni sulla lipidemia. Al follow up di 15 giorni, è stato possibile notare una significativa perdita di peso correlata alla dose, così come una riduzione generale dei livelli di rischio cardiovascolare.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare dei benefici dell’estratto dei semi di pompelmo. Tra i benefici in questione, è possibile citare la capacità di proteggere la mucosa dello stomaco dai danni delle ulcere e da quelli provocate da altre lesioni.

Anche in questo frangente, si può parlare di testimonianze scientifiche. Tra le tante, è possibile chiamare in causa uno studio pubblicato nel 2005 e condotto da un gruppo di esperti attivi presso il Jagiellonian University Medical College. Il team appena citato ha approfondito gli effetti gastroprotettivi dei flavonoidi presenti negli estratti vegetali, analizzando anche quello di semi di pompelmo.

Non c’è che dire: quando lo si nomina, si cita un vero e proprio elisir di salute. Tra le altre proprietà da citare troviamo il contributo alla riduzione del rischio di infezioni del tratto urinario (a confermare la sua efficacia al proposito ci ha pensato un piccolo studio condotto in Nigeria nel 2005, un lavoro di ricerca che ha preso in considerazione la situazione di tre soggetti di sesso maschile di mezza età).

Concludiamo facendo presente che l’estratto di semi di pompelmo può interagire con l’azione di alcuni farmaci (può per esempio aumentare gli effetti del fluidificante warfarin. Alla luce di ciò, prima di iniziare ad assumerlo è opportuno chiedere consiglio al proprio medico di fiducia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Estratto di semi di pompelmo per proteggere cuore e digestione