Essere vegetariani rende ottimisti

Essere vegetariani, o anche consumare almeno 3 porzioni di frutta e verdura al giorno, rende più ottimisti e combatte la depressione.

Ecco quanto risulta da uno studio condotto su mille uomini e donne americani dai 25 ai 74 anni, pubblicato su Psychosomatic Medicine. I volontari si sono sottoposti a una serie di analisi del sangue e hanno risposto a un questionario di carattere psicologico. Dal confronto tra i risultati degli esami e le risposte al questionario, è emerso che le persone che consumavano solamente una o due porzioni di frutta e verdura al giorno si rivelavano decisamente meno ottimiste rispetto a coloro che ne mangiavano tre o più al giorno.

In particolare, più alti erano i livelli più alti di carotenoidi nel sangue (che indicano un consumo maggiore di frutta e verdura) più i volontari risultavano avere una visione più ottimistica della vita.
"È il primo studio a riportare una relazione tra l’ottimismo e maggiori concentrazioni di carotenoidi", sottolinea Julia Boehm della Harvard School oh Public Health, a capo del team di ricerca.

Quali sono le possibili spiegazioni? La prima potrebbe ricondursi alle proprietà anti-stress di queste sostanze antiossidanti, in particolare la vitamina E e il betacarotene presente soprattutto nella frutta e nella verdura di colore arancione e in alcuni ortaggi di colore verde. Sono molti gli specialisti che sono convinti che gli antiossidanti presenti in frutta e verdura sono benefici sia dal punto di vista fisico che psicologico, proteggendoci dalle malattie che colpiscono l’organismo e rendendoci più felici ed ottimisti.

Una seconda spiegazione può derivare dal fatto che le persone più ottimiste, oltre ad arricchire la propria dieta con frutta e verdura in quantità, tendono anche a condurre uno stile di vita più salutare.

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Essere vegetariani rende ottimisti