Camomilla

E’ una pianta erbacea annuale il cui fusto arriva all’altezza di 50 – 80 cm. Cresce in tutta Italia dal mare alla regione submontana è comune nei prati, nei campi coltivati, lungo le strade e vicino alle case. Dove abbonda, è impregnata l’aria dal suo caratteristico e aromatico profumo. I capolini fioriti si recidono all’inizio della fioritura in maggio-giugno.

Oltre che come sedativo, la camomilla è usata per attenuare i dolori e spasmi uterini e del tubo digerente. Buoni risultati si ottengono anche per applicazione esterna su pelle e mucosa arrossata, infiammata, e congestionata.

Ottima in sciacqui contro mal di denti, in gargarismi contro mal di gola e impacchi per occhi irritati e stanchi. I fiori di camomilla perdono la loro efficacia se non sono consumati entro l’anno di raccolta.

Altri nomi:   Antemide, Amarella 
Parti usate:   i capolini fioriti 
Principi attivi:   olio essenziale (contenente la sostanza calmante azulene), apigenina, sostanze amare 
Proprietà:   antinevralgica, antispasmodica, antiinfiammatoria, digestiva, sedativa

  • uso cosmetico

Per imbiondire i capelli
Infuso: 20 g in 100 ml d’acqua. Applicare sui capelli dopo lo shampoo per 5-10 minuti esponendosi se possibile al sole.
Come decongestionante e lenitivo
Una manciata nell’acqua calda del bagno.
Sedativo di rossori e infiammazioni cutanee
Un buon olio di camomilla per uso cosmetico si ottiene facendo macerare 20 g di fiori contusi in 100 g d’olio di semi per due ore a bagnomaria e poi filtrandolo.

  • uso interno

Fiori
Per difficoltà di digestione, dolori addominali e mestruali, insonnia, eccitazione nervosa. Durante il ciclo mestruale, per attenuare i dolori addominali.
Infuso: 4 g in 100 ml d’acqua. Una tazza 2-3 volte al giorno all’occorrenza.
Tintura: 20 g in 100 ml d’alcool di 60° (a macero per 5 giorni). Un cucchiaino dopo i pasti.

  • uso esterno

Fiori
Per infiammazione della cute e delle mucose della bocca e della gola
Infuso: 10 g in 100 ml d’acqua. Fare sciacqui, bagni, applicare compresse imbevute sulle parti infiammate per almeno 15 minuti.
 

 

Camomilla