Dieta del riso del Dr Kempner: perdi kg con i carboidrati e controlli la pressione

Elaborato nel 1939, questo regime alimentare dà molto spazio ai carboidrati sani

La dieta del riso del Dottor Kempner è un regime alimentare che permette di dimagrire senza rinunciare ai carboidrati e di migliorare i valori della pressione.

Il suo ideatore è il ricercatore medico Walter Kempner, nato nel 1903 a Berlino e venuto a mancare nel 1997. La dieta è stata da lui messa a punto nel 1939 a seguito di numerosi studi focalizzati sulla minor frequenza di obesità, ipertensione e problemi cardiaci tra le popolazioni che annoveravano il riso tra gli alimenti più consumati.

Il focus della dieta del riso del Dottor Kempner riguarda l’assunzione di carboidrati salutari, come per esempio quelli provenienti dai cereali integrali. Il regime prevede due fasi. Nel corso della prima, finalizzata alla perdita di peso, è raccomandata l’assunzione di 800 calorie circa al giorno.

A seguito di questa fase di disintossicazione, la persona che sceglie di seguire la dieta viene invitata a mantenere un apporto energetico pari a circa 1000 calorie al giorno fino a quando non raggiunge il peso desiderato. Ciascuna fase ha una durata di due settimane.

Come già detto, il menu dà molto spazio ai carboidrati. Per rendersene conto basta ricordare che, durante la fase iniziale della dieta, è fondamentale che l’alimentazione quotidiana sia caratterizzata dalla presenza di amidi, frutta, verdura e latticini.

Per quel che concerne i primi, ci si può orientare su una fetta di pane, ma anche sul riso (un terzo di tazza) o sulla pasta (mezza tazza). Si può inoltre scegliere tra un frutto intero o un bicchiere di succo. La verdura è ammessa sia cruda, sia cotta. Cosa si può dire invece dei latticini? Che si può scegliere tra una tazza di latte o yogurt e mezza tazza di ricotta. Man mano che si va avanti con il percorso alimentare è possibile aggiungere altre fonti proteiche, in primis carni magre o pesce.

Tra le regole della dieta del riso del Dottor Kempner è possibile ricordare l’importanza di limitare l’utilizzo del sale – che stimola l’appetito – e la moderazione nel consumo di grassi saturi e di alimenti ricchi di sodio.

Il regime in questione è apprezzato per via della presenza di fibre, principi nutritivi decisivi quando si tratta di favorire l’abbassamento dei valori del colesterolo e il raggiungimento di un livello ottimale di sazietà. Inoltre, in virtù della presenza del riso, favorisce la normalizzazione dei valori della pressione arteriosa.

Questa proprietà è stata approfondita da uno studio condotto presso la Temple University di Philadelphia ed è legata alla presenza di composti naturali in grado di inibire l’azione dell’angiotensiona II, proteina endocrina che causa ipertensione. Tra gli aspetti positivi va ricordata ancora una volta la presenza di carboidrati, che dovrebbero costituire il 50/55% delle calorie di ogni dieta equilibrata. In ogni caso, prima di iniziare il percorso in questione è importante consultare il proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta del riso del Dr Kempner: perdi kg con i carboidrati e controlli ...