Dieta con le prugne, ti sgonfi e proteggi l’intestino

Gustose e versatili per quanto riguarda l'utilizzo in cucina, le prugne sono un toccasana per l'intestino, il nostro secondo cervello

La dieta con le prugne è perfetta per chi vuole sgonfiarsi e prendersi cura della salute del proprio intestino. Al centro dell’attenzione ci sono i succosi e colorati frutti della pianta Prunus Domestica, a sua volta appartenente alla famiglia delle Rosaceae.

Con una stagione che si estende da maggio a ottobre, questi frutti sono contraddistinti da diverse proprietà benefiche. In questo novero è possibile ricordare la presenza di una sostanza nota con il nome di difenilisatina.

Il suo ruolo principale consiste nello stimolare le funzioni intestinali. In virtù della sua presenza, le prugne vengono considerate delle eccellenti alleate naturali di chi deve sconfiggere la stitichezza e dire addio al gonfiore addominale da essa causato. Rimanendo sempre nell’ambito dell’efficienza intestinale è bene citare l’alto contenuto di fibre, degno di nota soprattutto quando si parla delle prugne a buccia gialla.

Da non dimenticare è poi la presenza di vitamina C. Questo potentissimo antiossidante naturale rende le prugne ottime sia per quanto riguarda la prevenzione dei tumori, sia per quel che concerne l’ottimizzazione delle funzioni immunitarie. Non bisogna trascurare il fatto che la vitamina C ricopre un ruolo importante per quanto riguarda l’ausilio nell’assorbimento di ferro.

Tornando un attimo alla presenza delle fibre, è bene evidenziare che la loro influenza a livello intestinale non si limita al contrasto della costipazione. La fibra insolubile presente nelle prugne viene infatti sottoposta a fermentazione da parte dei batteri dell’intestino. Questo processo porta alla formazione di una sostanza nota come acido butirrico. Si tratta di un acido grasso a catena corta fondamentale per prevenire i processi infiammatori a carico del colon.

Non c’è che dire: la dieta con le prugne è davvero un toccasana per la salute dell’intestino, il nostro secondo cervello. Quando si parla dei loro benefici è importante ricordare pure la presenza dei carotenoidi – come dimostrato da una recente analisi istochimica pubblicata sulle pagine della rivista Journal of Agricultural and Food Chemistry ce ne sono di diverse tipologie – ma anche quella di acido clorogenico e acido neoclorogenico, fondamentali per prevenire il colesterolo cattivo.

Il bello delle prugne riguarda anche la loro estrema versatilità in cucina. Chi vuole includerle nella propria dieta può sceglierle come ingredienti di una torta, ma anche inserirle in un’insalata mista o consumarle secche la mattina nello yogurt. Prima di iniziare ad assumerle è opportuno consultare il proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con le prugne, ti sgonfi e proteggi l’intestino