Dieta mediterranea: gli alimenti base per dimagrire e vivere di più

I cibi principali del regime alimentare Patrimonio Unesco sono a dir poco preziosi per la salute

La dieta mediterranea, regime alimentare Patrimonio Unesco, è uno schema alimentare che, nonostante le evoluzioni che lo hanno coinvolto nel tempo, è caratterizzato dalla presenza di alimenti base che agiscono in maniera favorevole sia sul peso, sia sulla longevità.

Tra i cibi in questione è possibile includere l’olio d’oliva. Alimento presente nella quotidianità umana da tempo immemore, è caratterizzato, come ben si sa, dalla presenza di grassi monoinsaturi. Entrando nel vivo di questi ultimi ricordiamo, come fatto presente anche dagli esperti del gruppo Humanitas, che si tratta di acido oleico, alleato speciale della salute del cuore, e di acido palmitoleico.

Come sopra accennato, l’olio di oliva ha effetti positivi anche sull’invecchiamento. La scienza si è più volte soffermata su questo beneficio. Degno di nota a tal proposito è uno studio congiunto pubblicato nel 2019 e condotto da esperti attive presso diverse realtà accademiche greche, statunitensi e spagnole (p.e. la Rutgers University).

Gli esperti si sono basati su un campione di 1.128 adulti over 50 residenti in Grecia, indagando gli effetti sull’invecchiamento dell’uso esclusivo di olio d’oliva a scopo culinario. Al follow up, sono state individuate ripercussioni positive soprattutto nei soggetti di età superiore ai 70 anni.

Nello schema degli alimenti base della dieta mediterranea troviamo pure la frutta e gli ortaggi. Ricchi di acqua, vitamine e minerali. Inoltre, garantiscono un adeguato apporto di fibre, nutrienti fondamentali per massimizzare il livello di sazietà (con ovvi vantaggi per il peso).

Da non dimenticare è poi la frutta secca. Come specificato sulle pagine del sito ufficiale della Fondazione Dieta Mediterranea, tra le alternative più salutari troviamo le mandorle. Ricche di proteine che permettono di completare l’apporto di amminoacidi, sono un’ottima fonte di acidi grassi monoinsaturi e dovrebbero essere consumate tenendo conto di un dosaggio quotidiano compreso tra i 15 e i 20 grammi.

Come non citare la pasta, vera e propria regina del regime alimentare tipico del bacino del Mediterraneo? Quando la si nomina, è necessario rammentare che ha un carico glicemico molto alto. Per riequilibrarlo, è meglio accompagnarla con verdure – per via dell’apporto di vitamine – o con carne, legumi o pesce in virtù delle proteine.

Concludiamo facendo presente che, prima di mettere in atto qualsiasi cambiamento relativo alla propria alimentazione, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico di fiducia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta mediterranea: gli alimenti base per dimagrire e vivere di più