Datteri, ricchi di fibre, antiossidanti e aiutano il cervello

Frutti tropicali dall'inconfondibile gusto zuccherino, i datteri sono un concentrato di sorprendenti proprietà benefiche

Frutti della Phoenix dactylifera, i datteri sono contraddistinti da benefici che è molto importante conoscere. Ricchi di fibre e caratterizzati da una forte carica antiossidante, sono considerati degli alleati naturali nella prevenzione delle malattie neurodegenerative.

Per quanto riguarda la prima proprietà, ossia la ricchezza in fibre, è bene specificare che l’apporto di questi principi nutritivi è fondamentale per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e per favorire il transito intestinale.

L’efficacia antiossidante è dovuta soprattutto alla presenza di vitamina A, una delle migliori armi che la natura ci offre contro l’attività dei radicali liberi. Molto utile a tal proposito è anche la niacina (o vitamina B3).

Come poco fa ricordato, i datteri possono aiutare a prevenire le patologie neurodegenerative. Diversi studi scientifici hanno infatti dimostrato la loro capacità di contribuire all’abbassamento dei livelli di interleuchina 6, proteina trascritta nell’uomo dal gene IL6 e associata a un rischio più elevato di andare incontro a patologie gravi come l’Alzheimer.

Tra i numerosi studi che hanno indagato questo aspetto è possibile citarne uno risalente al 2016 e pubblicato sulle pagine della rivista Neural Regeneration Research. Il lavoro in questione, portato avanti da equipe scientifiche attive in Oman e negli Stati Uniti, ha sottolineato il ruolo dei frutti della palma da dattero nel controllo dei processi infiammatori e nella prevenzione dello stress ossidativo a carico delle cellule del cervello. Secondo gli esperti, questi meccanismi di protezione sono legati soprattutto ai composti fenolici dei datteri.

Si potrebbe andare avanti ancora a elencare i motivi per cui vale la pena introdurre questi frutti nella dieta. Tra gli altri aspetti degni di nota è possibile citare la presenza di fruttosio, peculiarità che rende i datteri delle alternative salutari allo zucchero bianco, così come il contenuto di potassio, minerali essenziale per la salute del cuore.

Reperibili in commercio tutto l’anno, i datteri possono interferire con l’azione dei farmaci diuretici. In ogni caso, prima di iniziare ad assumerli è opportuno consultare il proprio medico curante. Per quanto riguarda le alternative per gustarli, si può spaziare dalla confettura fino allo sciroppo, per non parlare delle torte e della possibilità di aggiungerli alle insalate miste.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Datteri, ricchi di fibre, antiossidanti e aiutano il cervello