Dieta contro gli acidi: i cibi che proteggono lo stomaco

Per ridurre i sintomi del reflusso acido, è cruciale fare attenzione all'alimentazione

Il reflusso acido è una condizione che riguarda tantissime persone e che può comportare fastidi non indifferenti. Causato dall’indebolimento dello sfintere esofageo, il reflusso acido richiede una particolare attenzione all’alimentazione.

I cibi che si mettono nel piatto influenzano infatti la quantità di acidi prodotta dallo stomaco. Per questo, soprattutto quando si soffre di GERD (forma grave e cronica di reflusso acido), può rivelarsi utile seguire una dieta contro gli acidi.

Quali sono i cibi da includere? Innanzitutto le verdure. Caratterizzate da un basso contenuto di grassi e zuccheri, contribuiscono tantissimo a ridurre l’acidità di stomaco. Entrando nel vivo delle opzioni che si possono prendere in considerazione nella dieta contro gli acidi, ricordiamo gli asparagi, i cavolfiori, i broccoli, le patate i cetrioli.

Anche lo zenzero può rivelarsi prezioso nell’ambito di una dieta contro gli acidi. Come evidenziato da diverse testimonianze scientifiche – tra le quali è possibile citare una recensione condotta da un’equipe attiva presso il  Father Muller Medical College di Mangalore in India – questo rizoma ha importanti proprietà gastroprotettive.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a elencare gli alimenti che dovrebbero essere inclusi in una dieta contro gli acidi per proteggere lo stomaco! In questo novero è possibile includere la farina d’avena, ottima fonte di fibre, nutrienti cruciali quando si parla di riduzione del rischio di reflusso acido.

Cosa si può dire invece della carne e dei prodotti ittici? Che vanno benissimo, ma facendo attenzione a focalizzarsi su carni magre e frutti di mare. In una dieta finalizzata ad attenuare i sintomi del reflusso acido si possono includere pure gli albumi d’uovo.

Per quel che concerne le fonti di lipidi, è opportuno concentrarsi su avocado, noci, semi di lino, olio di semi di girasole. Consigliabile è ridurre fortemente l’assunzione di grassi saturi e trans, che dovrebbero essere sostituiti con quelli insaturi.

Da non dimenticare è anche la consapevolezza sugli altri alimenti da evitare (o la cui assunzione andrebbe fortemente moderata). In questo novero è possibile includere l’aglio, le cipolle, i cibi piccanti, gli agrumi i pomodori e il cioccolato.

Concludiamo facendo presente che per ridurre i sintomi dell’acidità di stomaco è basilare correggere lo stile di vita, cercando di raggiungere e mantenere un peso sano, di masticare lentamente e di smettere di fumare. Inoltre, prima di modificare la dieta è il caso di chiedere consiglio al proprio medico di fiducia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta contro gli acidi: i cibi che proteggono lo stomaco