Dieta con zucchine: riduci gli zuccheri e digerisci meglio

Ricche di nutrienti preziosi, le zucchine sono perfette per conciliare gusto e salute

Aggiungere le zucchine alla propria dieta può rivelarsi un’ottima idea. Queste verdure, appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae, sono infatti un vero e proprio toccasana quando si tratta di ridurre gli zuccheri, di favorire la perdita di peso e di ottimizzare l’efficienza della digestione.

Ipocaloriche e versatili in cucina, rappresentano un’ottima alternativa alla pasta per chi vuole seguire un programma alimentare a basso contenuto di carboidrati. Giusto per dare qualche numero in merito al contenuto di questi nutrienti, ricordiamo che in 230 grammi di zucchine cotte ne troviamo solo tre di carboidrati.

Quando si parla della capacità delle zucchine di contribuire alla riduzione dello zucchero nel sangue è cruciale chiamare in causa la loro ricchezza in fibre. Come dimostrato da numerosi studi – tra i quali è possibile citare un lavoro di ricerca del 2008 che ha visto impegnata un’equipe attiva presso l’Istituto Tedesco di Nutrizione Umana – l’assunzione di fibre alimentari ha un ruolo chiave nel miglioramento della risposta post prandiale al glucosio.

Come poco fa accennato, il consumo di zucchine è particolarmente consigliato a chi punta a perdere peso. I motivi sono molteplici. Da un lato, ribadiamo, queste verdure apportano pochissime calorie (si parla di circa 16 ogni 100 grammi). Dall’altro, invece, sono ricchissime di acqua, alleata del drenaggio delle scorie che, nel corso del tempo, il nostro corpo accumula (e che non sono certo congeniali ai fini del mantenimento del peso forma). Inoltre, grazie alle già citate fibre, le zucchine sono un portento per quanto riguarda il miglioramento dei livelli di sazietà, aspetto che ha conseguenze positive sulla forma fisica.

Una fibra in particolare, ossia la pectina, è fondamentale pure per il mantenimento del benessere cardiovascolare. Come dimostrato da uno studio del 2012 condotto presso l’Università di Maastricht, è in grado di ridurre i livelli di colesterolo LDL in soggetti di sesso maschile con problemi di ipercolesterolemia. Cosa si può dire invece in merito ai benefici relativi alla digestione? Che ancora una volta bisogna dire grazie alle fibre e in particolare a quelle insolubili, importantissime quando si tratta di prevenire la costipazione.

Concludiamo ricordando che, prima di includere le zucchine nella propria dieta, è necessario chiedere consiglio al proprio medico curante. Se non sussistono controindicazioni, non resta che divertirsi ai fornelli rendendole protagoniste di ricette come le frittate, gli sformati e gli sfiziosissimi finti spaghetti che, come abbiamo già evidenziato, sono perfetti per chi vuole ridurre l’apporto di carboidrati senza rinunciare al gusto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con zucchine: riduci gli zuccheri e digerisci meglio