Dieta con zenzero, antinfiammatoria e ricca di vitamina C

Vero e proprio super food, lo zenzero può diventare protagonista di una dieta salutare e gustosa

Aggiungere lo zenzero alla dieta può rivelarsi un’ottima idea per prevenire le infiammazioni in maniera naturale e per fare il pieno di vitamina C. Prima di entrare nel vivo dei benefici ricordiamo che il rizoma della pianta Zingiber si contraddistingue per un apporto energetico pari a 80 calorie circa ogni 100 grammi.

Come ricordato dagli esperti di Humanitas, lo zenzero è caratterizzato dalla presenza di diversi antiossidanti importanti. Tra questi è possibile citare la già ricordata vitamina C – o acido ascorbico – ma anche la vitamina E (o tocoferolo). A tal proposito è bene sottolineare la possibilità di consumarlo alla mattina aggiungendolo al caffè (in questo caso è necessario acquistare lo zenzero macinato). In tal modo si porta in tavola un mix portentoso di antiossidanti. Il caffè è infatti caratterizzato dalla presenza di polifenoli e acidi idrossicinnamici.

Impiegato spesso come antinfiammatorio, lo zenzero è noto anche per la presenza di minerali di grande importanza per la salute. Tra questi è possibile elencare il calcio, il potassio (fondamentale per l’efficienza del cuore), il ferro, lo zinco, il rame e l’antiossidante manganese.

Ottima fonte di oli essenziali, lo zenzero è considerato anche un eccellente antipiretico naturale. Tornando alle alternative per introdurlo nella dieta citiamo un’idea a dir poco gustosa, ossia la confettura (che si può preparare tranquillamente anche a casa). Spalmarne un cucchiaio su una fetta di pane tostato o su un biscotto al mattino è un’idea fantastica per iniziare la giornata con qualcosa di dolce e sano nel contempo.

Si potrebbe andare avanti ancora tanto a parlare delle soluzioni per introdurre lo zenzero nella dieta quotidiana. Se alla mattina si ha l’abitudine di consumare dei frullati, nessuno vieta di aggiungere qualche goccia di succo di zenzero. Con questo semplice accorgimento è possibile apprezzare anche un altro beneficio degno di nota. Lo zenzero è infatti uno dei migliori alleati naturali contro i dolori mestruali.

A testimoniarlo ci pensano studi come questo. Risalente al 2009 e portato avanti da un’equipe di esperti attiva presso la Shahid Beheshti University of Medical Sciences di Teheran (Iran), ha dimostrato che lo zenzero può rivelarsi più efficace dell’Ibuprofene nel trattamento del dolore causato dalla dismenorrea primaria.

Prima di iniziare ad assumerlo è ovviamente importante avere chiare le controindicazioni, tra le quali è possibile chiamare in causa l’assunzione di farmaci anticoagulanti, antipertensivi e antidiabetici. Per togliersi qualsiasi dubbio il principale punto di riferimento rimangono i consigli del proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con zenzero, antinfiammatoria e ricca di vitamina C