Dieta con basilico, migliora la glicemia e combatte lo stress

Ricco di sostanze antiossidanti e antinfiammatorie, il basilico è un prezioso e gustoso alleato della salute

Aggiungere il basilico alla propria dieta può rivelarsi una scelta vantaggiosa per la salute. Tra i benefici principali è possibile citare il controllo della glicemia e gli effetti positivi legati alla lotta contro lo stress.

Quando si parla del basilico, è necessario ricordare che esistono diverse varietà. Quali sono le principali? Il basilico dolce, il più diffuso e popolare, il basilico greco, contraddistinto da un aroma forte ma da un sapore delicato, il basilico tailandese, noto per un gusto che ricorda molto quello dell’anice.

Come poco fa accennato, tra i benefici del basilico, ricco di sostanze antiossidanti e antinfiammatorie, è possibile citare il controllo della glicemia. Sono diversi gli studi che hanno approfondito questa proprietà.

Uno dei più interessanti è stato condotto nel 2017 da un team di esperti attivi presso il Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia dell’Università della Nigeria. Questo lavoro scientifico si è basato sul monitoraggio della condizione di un campione di ratti diabetici.

A un follow up di 28 giorni, è stato possibile scoprire che, a seguito della somministrazione di 150 mg di estratto di basilico, risultavano più bassi i livelli di glicemia. Questo beneficio è dovuto alla capacità che l’estratto di basilico ha di inibire il rilascio endogeno di glucosio.

Sono davvero tanti i motivi per cui vale la pena aggiungere il basilico alla propria dieta! Come poco fa evidenziato, questa erba può rivelarsi utile anche ai fini del controllo dello stress. Pure in questo frangente la scienza si è più volte spesa per approfondire.

Tra i tanti studi effettuati è possibile citarne uno risalente al 2017 e portato avanti da equipe di esperti attive presso diverse realtà sanitarie dell’Egitto e dell’Arabia Saudita. Pure in questo caso si parla di un lavoro scientifico che ha coinvolto un campione di ratti, esemplari sottoposti a stimoli stressogeni che hanno causato sintomi depressivi.

A seguito della somministrazione di olio essenziale di basilico, gli esperti hanno avuto modo di notare una riduzione delle manifestazioni sopra citate (sono stati misurati i livelli sierici di corticosterone).

Concludiamo facendo presente che le foglie di basilico andrebbero consumate con moderazione in quanto, in virtù della ricchezza in vitamina K, possono favorire la coagulazione del sangue. Per questo motivo, chi sta assumendo farmaci antiaggreganti dovrebbe introdurre il basilico nella dieta solo dopo aver consultato il medico curante. La stessa cautela riguarda le donne in dolce attesa e quelle che stanno cercando una gravidanza.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con basilico, migliora la glicemia e combatte lo stress