Dieta con asparagi: perdi peso e tieni a bada la pressione

Ricchi d'acqua e di minerali importanti per la salute, gli asparagi sono preziosi alleati del peso e del benessere cardiaco

Gli asparagi, ortaggi appartenenti alla famiglia delle Asparagaceae, se introdotti nella dieta possono rivelarsi dei preziosi alleati della bellezza e della salute. Ricordiamo infatti che aiutano a tenere sotto controllo il peso e che agiscono in maniera positiva sulla regolarità della pressione arteriosa (con ovvi vantaggi per il benessere cardiaco).

Per quanto riguarda il primo beneficio è cruciale citare innanzitutto il basso apporto energetico (100 grammi di asparagi corrispondono a solo 20 calorie). Degna di nota a tal proposito è anche la ricchezza d’acqua.

Come dimostrato da diversi studi scientifici, l’assunzione di cibi ipocalorici caratterizzati da un importante contenuto di acqua può avere effetti positivi sul calo ponderale. Tra i numerosi lavori di ricerca che hanno approfondito questo beneficio è possibile citare una revisione congiunta del 2016, progetto che ha visto impegnati esperti di diverse realtà sanitarie e accademiche tra Germania e Polonia.

Gli studiosi che l’hanno effettuata si sono basati sui dati di 13 studi osservazionali, monitorando complessivamente le informazioni relative alla salute di 3.628 individui di età compresa tra i 18 e i 66 anni.

Cosa hanno scoperto? Che il consumo di alimenti a bassa densità energetica (ossia la quantità di energia per unità di peso), cibi spesso caratterizzati dalla presenza di un elevato contenuto di acqua e di fibre, può influenzare in maniera significativa il calo ponderale.

Per quel che concerne i benefici sulla regolarità della pressione arteriosa, tutto si deve alla presenza di potassio, minerale di cui gli asparagi sono ottime fonti (mezza tazza fornisce il 6% della razione giornaliera consigliata di questo preziosissimo nutriente).

Anche in questo frangente si possono citare diverse testimonianze scientifiche. Tra le tante, spicca uno studio del 2013 gestito da un’equipe attiva presso la Kagawa Nutrition University di Tokyo. Il lavoro in questione ha monitorato l’effetto della somministrazione di asparagi su un campione di ratti da laboratorio. A un follow up di 10 settimane, è stato possibile riscontrare una riduzione notevole della pressione arteriosa sistolica.

Non c’è che dire: gli asparagi sono degli alleati portentosi della salute! Disponibili soprattutto nei mesi che vanno da marzo a giugno, sono una fonte speciale di carotenoidi (betacarotene e luteina in particolare). Concludiamo ricordando che, prima di introdurli nella dieta, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante. Il consumo di asparagi può infatti interferire con l’azione di alcuni farmaci, in primis i diuretici.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con asparagi: perdi peso e tieni a bada la pressione