Dieta coi cetrioli: ti sgonfi e perdi peso

Il celebre ortaggio appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, grazie alla sua ricchezza d'acqua è ottimo per depurarsi

La dieta coi cetrioli consente di sgonfiarsi e di perdere peso in poco tempo.

Come è chiaro, stiamo parlando di uno schema alimentare che vede al centro il consumo del celebre ortaggio appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae e molto coltivato in Italia (la produzione si concentra soprattutto in territorio laziale).

Consumato soprattutto crudo tagliato a fettine, il cetriolo si contraddistingue per proprietà benefiche importanti. La più nota è senza dubbio l’efficacia depurativa, dovuta al notevole contenuto d’acqua (stiamo parlando di oltre il 96% del peso dell’ortaggio). Mangiare regolarmente cetrioli aiuta quindi a eliminare le tossine e a ottimizzare la funzionalità renale. Per sfruttare al meglio il beneficio appena ricordato, è meglio portali in tavola crudi.

Quando si parla delle proprietà di questi ortaggi, è bene ricordare anche altri aspetti. Come sottolineato da uno studio del 2013 effettuato da un’equipe scientifica attiva presso il Dipartimento di Tecnologia Farmaceutica della Jadavpur University di Kolkata (India), il cetriolo si contraddistingue anche per un forte potenziale preventivo contro il diabete. Per questo dobbiamo dire grazie alla presenza di flavonoidi, sostanze fondamentali anche quando si tratta di contrastare i fenomeni infiammatori e il sovrappeso.

Del cetriolo non si butta davvero niente! Includerlo nella propria dieta significa considerare anche i benefici dei suoi semi, molto utili contro la costipazione, fattore spesso determinante quando si aumenta di qualche chilo.

La dieta coi cetrioli è ottima anche per chi ha bisogno di tenere sotto controllo i valori della pressione. Questo fantastico ortaggio è inoltre perfetto per chi soffre di acidità di stomaco in virtù della sua capacità di mitigare l’azione dei succhi gastrici. In questi frangenti, è però consigliabile eliminare semi e buccia.

Le alternative per includerlo nella propria alimentazione non mancano. Tra queste è possibile ricordare la classica insalata mista, piatto completo soprattutto se alle verdure si aggiunge una fonte proteica (p.e. uova, tonno o mozzarella). Il cetriolo si può inoltre consumare nello tzatziki, celebre salsa greca preparata anche con yogurt greco e aglio. Un’ulteriore alternativa consiste nel tagliarlo a fettine da cospargere di ricotta, così da portare in tavola uno stuzzichino leggero e gustoso.

Prima di iniziare ad assumerlo è ovviamente opportuno effettuare test allergici mirati. Anche se non se ne parla molto, l’allergia al cetriolo esiste a e si manifesta con la cosiddetta sindrome orale allergica, contraddistinta da prurito alla bocca, arrossamento della stessa e gonfiore delle labbra.

Dieta coi cetrioli: ti sgonfi e perdi peso