Dieta anti-infiammatoria: i cibi da evitare per proteggere il cuore

Alcuni alimenti possono aumentare lo stato infiammatorio del nostro corpo e mettere a rischio la salute del cuore

L’alimentazione ha un ruolo molto importante per la nostra salute, ed è per questo che adottare una dieta varia ed equilibrata è il primo passo per rimanere in forma e ridurre il rischio di sviluppare diverse patologie. Stavolta, nel mirino degli scienziati c’è il rapporto tra cibo e infiammazione dell’organismo, una condizione che può provocare l’insorgenza di malattie cardiache.

L’infiammazione è un meccanismo di difesa che il nostro sistema immunitario mette in atto per proteggere l’organismo da agenti patogeni o per riparare i tessuti danneggiati (come accade, ad esempio, a seguito di un trauma). Quando la risposta immunitaria dura a lungo, si può parlare di stato infiammatorio cronico, che può essere la causa di numerose patologie – tra cui quelle che coinvolgono l’apparato cardiovascolare.

Anche in questo caso, l’alimentazione svolge un ruolo fondamentale: ci sono cibi che hanno proprietà anti-infiammatorie, i quali agiscono quindi a tutela dell’intero organismo e, in particolar modo, della salute del cuore. Un recente studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of the American College of Cardiology, ha analizzato proprio questa importante correlazione tra dieta anti-infiammatoria e problemi cardiaci.

La ricerca ha coinvolto oltre 210.000 soggetti in un lasso di tempo di ben 32 anni, così da studiare anche gli effetti a lungo termine dell’assunzione di cibi in grado di aumentare l’infiammazione. Ed è emerso che un’alimentazione pro-infiammatoria presenta un evidente legame con un aumento del rischio di sviluppare patologie dell’apparato cardiovascolare.

“Il 20% della popolazione in studio che consumava maggiormente alimenti pro-infiammatori ha il 46% in più di probabilità di insorgenza di malattie cardiache e il 28% in più di sviluppare ictus” – ha spiegato il dottor Jun Li, ricercatore di Nutrizione presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston e autore principale dello studio.

Quali sono dunque gli alimenti che dovremmo evitare, una dieta anti-infiammatoria? I cibi trasformati sono quelli maggiormente a rischio: cereali raffinati, carni lavorate e bevande zuccherate aumentano l’infiammazione del corpo, così come anche i formaggi (principalmente per il loro contenuto di grassi).

Al contrario, un’alimentazione ricca di cereali integrali, frutta, verdura e cibi a basso contenuto di grassi ci aiuta a proteggere il cuore. Più in generale, questi alimenti sono un’ottima fonte di fibre, antiossidanti e altre sostanze importanti per la salute dell’intero organismo, e per questo non dovrebbero mai mancare nella nostra dieta.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta anti-infiammatoria: i cibi da evitare per proteggere il cuore