Dieta alcalina, come perdere peso e depurarsi in pochi giorni

Priva di qualsiasi efficacia contro il cancro, la dieta alcalina è comunque salutare in quanto incoraggia il consumo di frutta e verdura a foglia verde

La dieta alcalina è uno schema alimentare che si basa sull’assunzione di alimenti basici e che può rivelarsi utile per perdere peso e depurarsi in pochi giorni. Quando si parla di questo approccio all’alimentazione è necessario ricordare che si basa tutto sulla premessa della capacità che il cibo ha di alterare – sia per eccesso sia per difetto – il pH dell’organismo.

Entrando nel vivo dei cibi consigliati per tenere sotto controllo l’acidità dell’organismo troviamo la frutta, le noci, le verdure, i legumi. Come è chiaro, stiamo parlando di un ampio spazio dato agli alimenti di origine vegetale, fondamentali per massimizzare lo smaltimento delle tossine da parte dell’organismo.

Per quel che concerne invece i cibi che contribuiscono ad alzare il pH somatico e che dovrebbero essere fortemente limitati ricordiamo la carne, i latticini, le bevande alcoliche, i cereali, le uova. Da non trascurare è pure l’esistenza di alcuni alimenti considerati neutri. Nel succitato novero è possibile includere i grassi naturali, gli zuccheri, così come gli amidi.

Quando si parla di questa dieta è essenziale fare presente che, secondo alcuni dei suoi fautori, il regime alimentare sarebbe in grado di prevenire l’osteoporosi, contribuendo al mantenimento di una densità minerale ossea adeguata (si tratta di teorie prive di validità scientifiche).

Nel corso degli anni la dieta alcalina è stata ovviamente più volte al centro dell’interesse scientifico. Degno di nota a tal proposito è questo studio del 2017 frutto dell’impegno di un’equipe scientifica attiva presso i Portsmouth Hospitals NHS Trust di Portsmouth (Regno Unito). Gli esperti in questione hanno scoperto che una dieta a basso contenuto di alimenti acidi può migliorare la funzionalità renale nei pazienti con patologie croniche ai suddetti organi.

Un altro punto sul quale è essenziale soffermarsi riguarda l’influenza della dieta alcalina sul cancro. Come evidenziato dagli esperti AIRC in un articolo pubblicato nel luglio 2018, non c’è alcuna evidenza scientifica in merito.

Chiarito questo fondamentale aspetto si può guardare alla dieta alcalina come a un regime alimentare salutare che incoraggia il consumo di frutta, verdura (soprattutto a foglia verde) e altri cibi di origine non animale.

Per quanto riguarda le verdure a foglia verde è cruciale citare la loro efficacia antinfiammatoria, dimostrata da diversi lavori scientifici (tra i tanti punti di vista in merito è possibile citare quello degli esperti dell’Harvard Medical School).

Il punto appena descritto è rilevante in quanto l’infiammazione cronica, come dimostrato da questo studio del 2017 portato avanti da un’equipe dell’Università di Buenos Aires, è spesso collegata alla sindrome metabolica, condizione non certo favorevole al mantenimento del peso forma. Concludiamo specificando che prima di iniziare la dieta alcalina è opportuno consultare il proprio medico curante ed effettuare tutti gli eventuali esami prescritti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta alcalina, come perdere peso e depurarsi in pochi giorni