Dieta, 8 bicchieri d’acqua per dimagrire e combattere la sindrome da rientro

Secondo gli esperti, per combattere l'irritabilità e la stanchezza tipiche della sindrome da rientro è utile bere almeno 8 bicchieri d'acqua al giorno

Idratarsi costantemente aiuta a dimagrire – l’acqua favorisce la sazietà e l’efficienza del metabolismo basale – ma anche a combattere i sintomi del post-vacation blues (sindrome da rientro).

Quando finiscono le vacanze e si ricomincia con il lavoro e con la gestione degli impegni familiari, può capitare di sperimentare momenti di fatica nella ripresa della vita di tutti i giorni. Per tenere sotto controllo questa fastidiosa situazione, gli esperti consigliano di non trascurare l’idratazione. Questo suggerimento non sorprende se si considera che l’acqua rappresenta oltre il 70% della massa del cervello umano. Inoltre, è bene ricordare che la scienza ha più volte indagato, ottenendo risultati positivi, la correlazione tra idratazione e performance cognitive.

Come ricordato dalla Dottoressa Elisabetta Bernardi, biologa, esperta in scienze dell’alimentazione e membro del board scientifico dell’Osservatorio Sanpellegrino, un recente studio indiano ha messo in luce che, anche in caso di leggera disidratazione, è possibile avere a che fare con momenti di mancanza di vigore e con effetti negativi su soglia dell’attenzione e memoria a breve termine.

Il quadro in questione ci ricorda che, grazie all’acqua, possiamo ottimizzare l’apporto di micronutrienti di grande importanza per la salute. Tra questi, è possibile ricordare il magnesio. La scelta di acque caratterizzate dalla sua presenza è un’ottima idea se si ha intenzione di combattere l’affaticamento e lo stress che, molto spesso, rendono ancora più difficoltose le prime giornate post ferie.

Il magnesio favorisce infatti la produzione di adrenalina e il miglioramento della funzionalità dell’ipotalamo, con conseguenze positive sul controllo della stanchezza e dei livelli di stress. Come dimostrato da uno studio del 2016 condotto da un’equipe del Dipartimento di Neurologia del First Affiliated Hospital of Wenzhou Medical University di Zhejinag (Cina), bassi livelli di magnesio possono essere associati addirittura a sintomi depressivi (in questo caso, i dati riguardano pazienti reduci da un ictus).

Secondo la Dottoressa Bernardi, per sfruttare al massimo gli effetti positivi di questo minerale è consigliabile bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno. Ovviamente è opportuno curare anche l’alimentazione. Molto utile per arginare i sintomi della sindrome da rientro è per esempio l’acido folico, presente nelle verdure a foglia verde e nei legumi. Da non trascurare sono infine i benefici sul tono dell’umore garantiti da vitamina B e grassi omega 3.

Dieta, 8 bicchieri d’acqua per dimagrire e combattere la sindrom...