Dieta, quando non funziona: 10 falsi miti

Dalla demonizzazione dei carboidrati fino alla convinzione che le calorie siano tutte uguali, ecco alcuni dei luoghi comuni non veri che rendono difficili i percorsi di perdita di peso

Quando si parla di alimentazione sana e di perdita di peso è necessario conoscere l’esistenza di alcuni falsi miti che, di fatto, impediscono alle diete di essere efficaci. Eccone dieci tra i più diffusi.

La dieta drastica è l’unico modo per perdere peso

Quando si punta a perdere peso è essenziale entrare nell’ottica del fatto che l’alimentazione è importante ma non sufficiente. Se si ha intenzione di ottenere risultati è fondamentale modificare anche la routine e introdurre l’attività fisica. Ciò significa, per un soggetto adulto normopeso, almeno 150 minuti di esercizio fisico a settimana.

Non bisognerebbe mai cenare dopo le 19.00

Un altro falso mito da sfatare quando si vuol iniziare a mangiare meglio e a perdere peso riguarda la credenza secondo la quale non bisognerebbe mai cenare dopo le 19.00. Interessante in merito è il punto di vista della Dottoressa Theresa Kinsella, nutrizionista statunitense.

L’esperta, nel corso di un’intervista al magazine online Refinery 29, ha infatti sottolineato come le persone abbiano in tutto il mondo abitudini differenti per quanto riguarda l’ora della cena, facendo presente l’esistenza di popolazioni abituate a consumare il pasto serale ben dopo gli americani e con un tasso di obesità decisamente inferiore a quello statunitense.

Ha altresì spiegato che, a meno che non si abbia a che fare con un disturbo alimentare e con la necessità di consumare cibo a intervalli prestabiliti, l’unico riferimento per quanto riguarda l’assunzione della cena dovrebbe essere la sensazione di fame.

I carboidrati fanno ingrassare

Mettersi a dieta con l’idea di demonizzare i carboidrati è sbagliato. Se si punta a perdere peso basta infatti scegliere quelli giusti, ossia i carboidrati complessi. Questi nutrienti vengono assorbiti molto più lentamente rispetto ai carboidrati semplici, con conseguenze positive relative alla prevenzione dei picchi glicemici.

I grassi sono pericolosi per la linea

Il nostro corpo ha bisogno di tutti i nutrienti, grassi compresi. Anche in questo caso è importante conoscere quelli che fanno bene. Ciò significa, per esempio, dare spazio agli acidi grassi essenziali omega-3, caratterizzati da diverse proprietà importanti. Tra queste è possibile citare senza dubbio l’efficacia antiossidante, cruciale per migliorare la salute del cuore (traguardo che, di frequente, è al centro degli obiettivi di chi inizia una dieta dimagrante).

Eliminare gli spuntini fa bene alla linea

Lo spuntino non è un problema per chi punta a perdere peso. Consumarne uno sano – p.e. uno yogurt o della frutta secca – tra un pasto e l’altro può rivelarsi invece molto utile in diversi casi, soprattutto quando si ha uno stile di vita particolarmente attivo e la necessità di mantenere alti i livelli di energia.

L’acqua è utile per perdere peso

L’acqua aiuta a idratare il fisico e contribuisce a ottimizzare i livelli di sazietà. Se alla base non c’è l’attenzione a specifiche regole alimentari è però chiaro che gli obiettivi relativi alla perdita di peso non vengono raggiunti.

Saltare i pasti fa dimagrire

Questo falso mito è uno tra i più diffusi e sfatarlo è essenziale. Chi vuole dimagrire dovrebbe evitare assolutamente di saltare i pasti e orientarsi piuttosto verso la riduzione dell’apporto calorico. Eliminare i pasti porta solo a stanchezza e a carenza di nutrienti. Il risultato? La tendenza a consumare spuntini più ricchi di grassi cattivi e zuccheri.

Tutti i nutrienti, a parità di apporto calorico, hanno lo stesso effetto

Assumere un determinato quantitativo di calorie di alimenti proteici o altamente zuccherati comporta lo stesso effetto sul fisico. Niente di più falso! Le calorie non sono tutte uguali. Per rendersene conto basta citare questo studio del 2002, portato avanti da un’equipe dell’Arizona State University.

Come dimostrato dagli esperti appena citati, un’alimentazione ricca di proteine è in grado di favorire la termogenesi indotta dalla dieta – ossia il dispendio di energia che il nostro corpo mette in atto quando assumiamo cibo – più dei regimi caratterizzati da un alto contenuto di carboidrati.

Alcuni alimenti accelerano il metabolismo

Oggi come oggi, non esistono prove scientifiche sufficienti per parlare di alimenti in grado di accelerare il metabolismo. Uno dei motivi è legato al fatto che il suddetto processo ha bisogno di energia e che la quantità necessaria dipende da fattori che variano di individuo in individuo (p.e. il peso, l’altezza, l’attitudine all’attività fisica, i geni).

Le pillole dimagranti sono sicure

Ecco un ultimo falso mito a dir poco pericoloso per chi vuole dimagrire! Prima di assumere qualsiasi prodotto finalizzato a favorire la perdita di peso è necessario contattare il proprio medico curante e chiedergli consiglio, evitando assolutamente il fai da te.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta, quando non funziona: 10 falsi miti