Cosa sono gli estrattori e quali differenze ci sono dalle centrifughe

Numerosi sono i pro e i contro degli estrattori e delle centrifughe, ovviamente entrambi rappresentano due elettrodomestici di fondamentale importanza in cucina

Ad oggi la centrifuga è un elettrodomestico presente in tutte le case, legato al fatto che vanno molto di moda le diete disintossicanti. In realtà, si tratta di un apparecchio in grado di separare e spremere il succo della verdura o della frutta allontanando la parte delle polpa che verrà poi depositata in seguito in un altro contenitore.

Un elettrodomestico simile è rappresentato dall’estrattore. Tra quelli maggiormente consigliati vi è quello a freddo. Ovviamente il risultato finale che si ottiene dall’uso di questi elettrodomestici è molto simile, ma vediamo quali sono le nette differenze.

Prima di tutto la centrifuga è munita di lame in grado di spezzare per bene la verdura e la frutta introdotta, mentre la polpa va a depositarsi in un altra zona dove viene in seguito filtrata, mentre nel caso si tratti di estrattore, la polpa verrà soltanto schiacciata ed in seguito setacciata, per tal motivo il succo non si otterrà grazie alla centrifuga.

In più la centrifuga è realizzata con una velocità di rotazione maggiore rispetto a quella dell’estrattore, una differenza davvero ingente, che rappresenta la grande differenza tra i due elettrodomestici. Ovviamente grazie all’elevata velocità anche la temperatura interna della centrifuga può aumentare fino a raggiungere 70 gradi, e secondo alcuni studiosi però tutto ciò potrebbe rovinare quelle sostanze nutritive presente all’interno del succo. Anche se un estrattore sarà molto più silenzioso rispetto ad una centrifuga.

Inoltre, il sistema usato dall’estrattore è in grado di ottenere minore materiale di scarto, ed è in grado di separare più succo dalla polpa, infatti la polpa che si produce da un estrattore è più insipida e secca rispetto a quella che si ottiene con una centrifuga. In ogni caso tutto ciò può essere considerato come un vero e proprio svantaggio nel caso in cui si vuole ottenere un polpa più ricca utilizzabile per delle ricette.
Infine vi è un ulteriore svantaggio legato all’estrattore, esso riguarda principalmente il costo. Difatti una buona centrifuga la si può comperare con poco meno di cento euro, mentre il prezzo di un estrattore è molto più alto in quanto parte da una cifra minima di cento cinquanta euro fino a raggiungere somma anche di mille euro. Ovviamente ognuno dovrà scegliere in base alle proprie esigenze di ogni genere!

Immagini: Depositphotos

Benessere

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa sono gli estrattori e quali differenze ci sono dalle centrif...