Corretta alimentazione in gravidanza

La dieta in gravidanza è impostata in modo da nutrire sufficientemente sia il feto, che la donna. Scopriamo insieme quali alimenti è preferibile mangiare aspettando un bambino

La dieta della gravidanza include alcuni tipi di alimenti, concentrandosi prevalentemente su di loro, escludendone, in contempo, altri. Il tutto serve per far restare inalterate le giuste funzioni dell’organismo, nutrendo la donna con sostanze positive sia per lei, che il futuro nuovo arrivato. Durante la gravidanza la donna non deve avere paura d’ingrassare. Molto peggio sarebbe non mangiare a sufficienza. Questo delimiterebbe la quantità di nutrienti necessari al feto, che potrebbe soffrire di carenze di vario genere nel grembo materno. Nel passato si sono già registrati casi di varie anemie degli infanti ancor prima che questi fossero nati. In altri, ben peggiori, casi il feto è morto per colpa di una madre che, nonostante lo stato delicato, non ha voluto cibarsi adeguatamente e ha fornito al piccolo un apporto di cibo insufficiente per la vita. Inoltre è da precisa che la dieta della gravidanza esclude la dieta vegana.

Nel corso del XX secolo vari dietologi hanno proposto delle diete per la gravidanza molto specifiche. Alcune di queste eliminavano completamente i grassi dal corpo della persona, altri si concentravano sul pesce e sulla carne, altre ancora, invece, consigliavano alle donne di mangiare molta frutta e verdura. La verità, come succede in molti casi, sta in mezzo. Come ha dimostrato la dottoressa Diana Scatozza, un medico specializzato in scienza dell’alimentazione che lavora a Milano, durante la gravidanza la donna necessità dell’apporto di varie sostanze, spaziando dai grassi, passando per i carboidrati e finendo con le proteine. Alcuni alimenti consigliati nella dieta della dott. Scatozza possono essere sostituiti con altri a proprio piacere, purché rispettino lo standard di sostanze nutritive che bisogna assumere.

Per fare un esempio, si può sostituire un piatto a base di carne, con un piatto a base di pesce. Al posto di un secondo a base di carne, si consiglia di mangiare del formaggio. Le verdure, spesso segnate in un modo molto generico, possono essere scelte in base alla stagione o alle proprie preferenze. Partendo dalla colazione, si consiglia di mangiare 3 o 4 fette biscottate oppure dei cereali con il latte. In alternativa, si può bere del tè verde oppure del tè nero. Si sconsiglia di bere il caffé, in quanto contiene la caffeina in alte quantità, che accelera il battito cardiaco e aumenta la pressione sanguigna. Entrambi questi effetti potrebbero essere dannosi sia per il feto, che per la donna. D’altro canto è consigliato mangiare molti yogurt che, oltre a possedere il calcio in quantità elevate, permettono di ristabilire l’equilibrio batterico nel tratto gastrointestinale.

Il latte consigliato è quello HD (cioè ad alta digeribilità), meglio se totalmente scremato. Si sconsiglia di assumere il latte intero in quanto è più difficile da digerire e contiene un elevato mix di sostanze nutritive di vario genere, alcune delle quali non sono particolarmente adatte a una donna in gravidanza. Sono, invece, benvenuti i latticini vari, oltre al latte a base di riso o di soia. Tuttavia, questi devono avere l’aggiunta di calcio e/o di vitamina D. Dopo la colazione, la dieta della gravidanza ammette anche uno spuntino della metà mattinata, con, magari un frutto o delle brioches. Per dormire meglio viene consigliato di bere un bicchiere di latte tiepido. Nonostante la dieta in gravidanza sia uniforme per quanto riguarda la colazione, i pasti da mangiare a pranzo e a cena variano di giorno in giorno.

Per esempio, il lunedì si consiglia di mangiare a pranzo della pasta al pomodoro insieme alle zucchine grigliate e un’insalata di lattuga, mentre durante la cena viene consigliato un piatto a base di bietole lesse con dei fusi di pollo, tutto seguito da 1 panino. Per il martedì è meglio diversificare il menù di pranzo con la pasta e piselli, seguita dall’insalata di pomodori e una scaglia di grana. La sera, invece, una buona idea potrebbe essere quella di mangiare dei fagiolini al vapore insieme ai filetti di sgombero. Il tutto, come il giorno prima, seguito da un panino. Il pranzo del mercoledì, essendo il giorno centrale della settimana, è pesante: pasta alla carbonara seguita dalle carote preparate alla julienne e una scaglia di grana. Il mercoledì sera, invece, viene consigliato di mangiare 2 uova con spinaci cotte al vapore, insieme a un panino.

La dieta della gravidanza è diversa per quanto riguarda il giovedì, quando a pranzo si consiglia di mangiare solo della pasta e fagioli seguita dall’insalata mista di verdure. Alla cena, invece, meglio assumere della carne (il petto di tacchino sarebbe perfetto), insieme ai broccoli. Come sempre, il tutto dev’essere accompagnato da un panino e/o una scaglia di grana. Per il venerdì pranzo meglio eliminare la pasta mangiando il risotto di zucchine al primo, e l’insalata di pomodori, insieme a una scaglia di grana, al secondo. Alla cena, invece, è prevista un’orata al sale con un una cicoria lessa e un panino. Ai festivi si varierà un po’: il sabato a pranzo si mangia del riso e melanzane grigliate, mentre alla cena una bistecca di cavallo o di vitello con il cavolfiore e un panino. La domenica, invece, sono previste tagliatelle al ragù e insalata con gelato al dessert per il pranzo e due uova con panino per la cena.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Corretta alimentazione in gravidanza