Contro il cancro la dieta del gorilla, ricca di fitoestrogeni

Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Physical Anthropology, per contrastare l’insorgere del cancro bisognerebbe seguire una dieta simile a quella dei gorilla  e delle scimmie colobo, che si cibano di molta soia e di trifogli. Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’università della California, le abitudini alimentari del primate sarebbero in grado di aiutare il corpo umano a prevenire i tumori dipendenti dagli estrogeni come il cancro al seno e quello al colon retto. Pare infatti che la soia e il trifoglio rosso contengano fitoestrogeni, che proteggono da queste tipologie di tumore. 
  

Katharine Milton, coordinatrice della ricerca, ha spiegato che "I fitoestrogeni vegetali presenti in queste piante funzionano come l’ormone sessuale femminile: gli estrogeni sono potenti sostanze chimiche, che se prodotti in quantità eccessive possono interferire con la fisiologia riproduttiva ma che nelle dosi giuste presentano effetti positivi".
 

Se è vero che l’assunzione di fito-estrogeni serve come protezione per debellare lo sviluppo del cancro, questo non basta per evitare la malattia. Son fondamentali uno stile di vita sano ed equilibrato, caratterizzato da una dieta corretta e dalla giusta quantità di attività fisica. Prima di tutto, evitare sovrappeso e obesità, associati a un maggior rischio di cancro. In secondo luogo, fare attività fisica (basta mezz’ora di camminata a passo veloce tutti i giorni): la vita sedentaria è un’altra causa importante dell’insorgere del cancro. Infine, consumare molta frutta e verdura (almeno cinque porzioni al giorno), cereali e legumi che proteggono dall’insorgere del cancro.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contro il cancro la dieta del gorilla, ricca di fitoestrogeni