Come scegliere il deodorante giusto

Quando la sudorazione può diventare un problema, fondamentale è trovare il prodotto giusto più indicato alle caratteristiche della tua epidermide

Il sudore è in agguato. Il terrore appare sul tuo volto quando scorgi quell’alone che non annuncia niente di buono: due macchie ben in vista sulla tua camicetta all’altezza delle ascelle. Non ha senso tentare di nasconderle camminando con le braccia conserte, si è ridicole. Ed è troppo tardi ormai per maledire quella volta che hai gelato il sorriso della commessa che ti proponeva campioni di nuovi deodoranti con un inappellabile “non ho tempo”. Ora devi correre ai ripari e ti si presenta il solito problema: quale deodorante scegliere?

Innanzitutto bisogna mettere le cose in chiaro: la sudorazione è un fenomeno naturale che consente di mantenere la temperatura corporea entro certi limiti. Ma la sudorazione può anche essere indotta da particolari stati emotivi: suda di più chi è sotto stress. Dunque nervi saldi, soprattutto d’estate. Ma prima ancora di procedere con l’applicazione di qualche deodorante la sudorazione si può ritardare indossando vestiti ampi e leggeri. Nella stagione calda largo dunque a cotone e lino.

C’è a chi piace lo spray, chi invece predilige lo stick, per il formato si può scegliere seguendo i propri gusti. Anche se un punto importante da prendere in considerazione è la pilosità della zona di applicazione: i peli possono costituire una barriera per un deodorante a sfera mentre lo spray consente di diffondere il prodotto in modo omogeneo. E poi, se vi siete appena depilate le ascelle non c’è niente di meglio che una buona crema che oltre all’effetto deodorante si prende cura della tua pelle, nutrendola. Un altro punto importante è conoscere il grado di sensibilità della tua pelle e, meglio ancora, scoprire se sei allergica a qualche sostanza. Spesso i deodoranti contengono alcol o antibatterici. Il consiglio da seguire, sempre, è leggere attentamente la composizione del prodotto.

Al momento dell’acquisto bisogna tenere ben presente la differenza tra un deodorante e un antitraspirante. Il primo svolge la sua azione tentando di limitare i danni del cattivo odore provocato dai batteri che si sviluppano nel sudore prodotto dalla pelle. I batteri (7 milioni per centimetro quadrato!) utilizzano il sudore per le proprie necessità nutrizionali ed eliminano maleodoranti acidi grassi liberi. Attenzione però: il deodorante non ferma la sudorazione, mentre l’antitraspirante inibisce la formazione del sudore, bloccando i pori.

Esistono anche deodoranti naturali come la pietra d’allume di potassio. Oltre ad avere proprietà antibatteriche la pietra d’allume riduce anche la sudorazione. Ma anche la guerra contro il sudore o il cattivo odore vuole essere rispettosa dell’ambiente e il mercato offre sempre più deodoranti bio , privi non solo di propellenti, alcol e altri ingredienti potenzialmente irritanti, ma prodotti che contengono estratti botanici, come l’aloe, proveniente da colture tutte rigorosamente biologiche. Infine, per evitare i cattivi odori, oltre al deodorante o antitraspirante c’è anche il buon senso: una bella doccia è il mezzo migliore per eliminare batteri e sudore.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come scegliere il deodorante giusto